VENERDÌ 14 GIUGNO 2019, 01:02, IN TERRIS

Caos a Hong Kong: le ragioni della rivolta

Il direttore dell’agenzia specializzata Asia News spiega i motivi delle proteste intorno alla proposta di legge sull’estradizione

WILLIAM VALENTINI
Facebook Twitter Copia Link Invia Scrivici
Corteo di manifestanti a Hong Kong
Corteo di manifestanti a Hong Kong
P

roiettili di gomma, lancio di fumogeni e scontri tra manifestanti e polizia hanno scandito il pomeriggio di Hong Kong. Una situazione talmente grave da spingere il presidente dell’esecutivo cittadino, Carrie Lam, a definire le manifestazioni una “rivolta”.  In seguito agli scontri che si sono concentrati intorno al quartiere governativo, gli uffici rimarranno chiusi per una settimana. Una situazione che appare la più violenta degli ultimi decenni: almeno 72 persone, infatti, sono rimaste ferite. Due di loro sarebbero in gravi condizioni. I manifestanti protestano contro la proposta del governo della città di estradare i condannati. Per approfondire la questione In Terris ha intervistato in esclusiva il direttore di Asia News, Padre Bernardo Cervellera l’unica agenzia d’ispirazione cristiana specializzata sull'Asia. Il sito ha una edizione in cinese che rappresenta un punto fi riferimento per i cristiani cinesi.    

 

Padre Bernardo Cervellera, la discussione del provvedimento sull'estradizione, l’oggetto del contendere, è stata rinviata. Hanno vinto i manifestanti?
"Si tratta di una vittoria di Pirro. La più decisa a far passare la legge è il capo dell’esecutivo Carrie Lam. Hanno soltanto rimandato la discussione ma lei continua a ripetere che la legge sull'estradizione in Cina è necessaria. Non si rende conto che buona parte della popolazione, quasi tutta la popolazione attiva è spaventata da questa legge. Può fare quello che vuole: la Cina l’appoggerà ma buona parte della popolazione non risponderà più a lei".

Il governo della città è indipendente?
"Ad Hong Kong il parlamento non è democratico, soltanto la metà dei deputati è votata dai cittadini. L’altra metà, invece, viene nominata dall'esecutivo di Pechino, o da rappresentanti di congregazioni commerciali. Il capo politico della città, prima di passare per il voto deve essere inserito in una rosa di nomi scelti da uomini del Partito, in un rapporto di totale sudditanza. In ogni caso la politica nell'ex colonia britannica è strutturata per non essere mai propriamente democratica. La popolazione che non ha mai potuto dire nulla, nemmeno quando Londra ha ceduto il territorio alla Cina. Adesso, non può dire nulla sulla democrazia anche se i cinesi avevano promesso che entro il 2007 si sarebbe parlato di democrazia totale. Insomma, la popolazione di Hong Kong è solo mano d’opera che viene usata per il commercio".

In che senso?
"Il controllo della Cina sul piano politico, economico e religioso è sempre più forte. Hanno diminuito drasticamente le libertà alle scuole cattoliche e di tutte le altre scuole religiose. Nonostante Carrie Lam sia una fedele praticante molti movimenti cattolici di base l’accusano di essere un fantoccio in mano a Pechino e di aver svenduto Hong Kong. Lei nega, ma fino ad ora è stata molto obbediente con le richieste che arrivano dal partito. Non è riuscita a ricucire la fiducia dentro la popolazione della città".

In piazza sono scesi soprattutto giovani. Perché?
"È una manifestazione degli effetti negativi del passaggio della città sotto l’amministrazione della Cina. Pechino continua ad inviare diverse migliaia di cinesi ogni giorno a vivere ad Hong Kong cambiando la demografia. Questo ha degli effetti sulla vita della popolazione locale: gli immigrati accettano lavori con stipendi molto più bassi, simili a quelli del resto della Cina. Questo fa perdere competitività ai giovani di Hong Kong in termini di posti di lavori. I giovani che scendono in piazza lo fanno per il loro futuro, hanno la percezione che non ci sia più spazio per loro città".

Quali sono gli obbiettivi del Partito per la città?
"Il sogno di Pechino è di riunificare tutte le nazionalità cinesi. Ne ha tutto il potere, il peso diplomatico e la voglia. Il modo in cui sta trattando la popolazione di Hong Kong spaventa moltissimo la popolazione di Taiwan, l’isola cinese indipendente, che guarda con crescente sospetto la possibilità di riunificarsi con la Cina".   

Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 


Scrivi il tuo commento

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
Rovine a Idlib
LA TRAGEDIA

Siria, raid aerei sulle scuole di Idlib

Strage durante un bombardamento: almeno 25 vittime secondo StC, fra le quali una bimba di 9 anni
Giuseppe Conte e Luca Ceriscioli
CORONAVIRUS

Le Marche chiudono le scuole, il governo impugna l'ordinanza

Provvedimento firmato dal presidente Ceriscioli per via di un caso a Cattolica. Scontro fra Regione ed esecutivo
L'alto rappresentante per gli Affari esteri e la politica di sicurezza dell'Unione europea, Josep Borrell, durante una conferenza stampa a Bruxelles, febbraio 2020 - Foto © AP
BRUXELLES E TRIPOLI

Libia, l'ok dell'Ue alle prove di pace

Dopo le recenti tensioni fra governo e milizie locali, una piccola speranza alla vigilia dei colloqui
Attilio Fontana e Giuseppe Conte
L'EPIDEMIA

Coronavirus, appello all'unità dopo le tensioni

Conte critico sull'ospedale di Codogno, scatena l'ira della Lombardia. Poi l'invito alla calma. Fontana sul virus:...
Regno Unito
L'EPIDEMIA

Regno Unito, quarantena per chi arriva dal Nord Italia

Provveidmenti anche nei Paesi Bassi. Il Kuwait ferma il traffico aereo con il nostro Paese, stop alle gite da Croazia, Grecia e...
Un vigile del fuoco salva un koala dalla foresta in fiamme
SCIENZA

Australia, gli scienziati: "Incendi senza precedenti"

I dati choc su una rivista scientifica: la peggiore in 230 anni di storia coloniale
VITA

La preghiera a Maria che ha commosso tutta Palermo

Scritta nella notte davanti al reparto di Oncologia, racconta della rinascita di una donna dopo il cancro
Il Magic Bus dove Chris McCandless visse gli ultimi mesi della sua vita
LA DISAVVENTURA

Tentano di raggiungere il Magic Bus: tragedia sfiorata in Alaska

Cinque escursionisti italiani soccorsi dopo essersi smarriti sullo Stampede Road: tornavano dal bus di Into the Wild
L'EPIDEMIA

Coronavirus, in Iran altri 3 decessi: sale a 15 il bilancio delle vittime

L'ayatollah Yussef Sanei ha invitato a evitare le moschee nel nome della Sharia e del buon senso
Hosni Mubarak, ex presidente dell'Egitto, assiste a una cerimonia davanti al monumento del Milite Ignoto a Mosca, 2008 - Foto © Misha Japaridze per AP
EGITTO

È morto Mubarak, il leader deposto dalla Primavera Araba

Protagonista della ricrescita economica dell'Egitto, dal 2011 ebbe numerosi processi
Il Premier Conte all'arrivo presso la sede della Protezione CIvile
SUMMIT ALLA PROTEZIONE CIVILE

Conte sul Coronavirus: "No a drammatizzazioni o allarmismi"

Il Premier: "Protocollo condiviso con tutti per evitare di andare in ordine sparso"
Un frame della trasmissione Storie Italiane andata in onda il 25 febbraio - Foto © Rai
STORIE ITALIANE

Coronavirus, Don Buonaiuto: "La responsabilità miglior antidoto"

Ospite della trasmissione Rai, il sacerdote ha fatto appello alla solidarietà nell'emergenza. Forti le sue parole sul...
L'EPIDEMIA

Coronavirus, negli Usa vaccino sperimentale pronto per i test

La sperimentazione clinica dovrebbe iniziare entro la fine di aprile su circa 20-25 volontari sani
Dia
DDA REGGIO CALABRIA

'Ndrangheta: chiesto l'arresto per un senatore di Forza Italia

Legami con la cosca "Alvaro" di Sinopoli: 65 arresti tra cui un consigliere regionale
Migrante
AMERICA LATINA

Al via la campagna quaresimale della Fraternità 2020

Aiuto ai migranti, difesa della vita e riconciliazione nazionale i temi centrali
IMPRESE

Così l'Italia inventa vie d'uscita dalla crisi

Boom di brevetti industriali. Tre regioni creano il 60% delle innovazioni produttive di tutta Europa