Cerca di uccidere la moglie come in un film

ULTIMO AGGIORNAMENTO 0:04

Trovata la notizia, il collegamento cinematografico è stato inevitabile, istantaneo. Per i pochi che non lo sapessero Dial M for Murder, in italiano Il delitto perfetto, è un film del 1954, diretto dal maestro Alfred Hitchcock. Ecco un siciliano, forse ispirato dalla trama del genio del giallo, ha pensato di ingaggiare dei sicari per uccidere l'ex moglie. Continuando nel parallelo tra cinema e realtà, però, ci sono delle differenze. L'uomo di Patti (Messina) avrebbe cercato di sbarazzarsi dell'ex coniuge, facendo inscenare un incidente stradale e qualora non fosse andato a buon fine, i “suoi” uomini – secondo l'accusa – avrebbero anche potuto usare le armi. Invece, nella pellicola dove una straordinaria Grace Kelly svolge il ruolo di protagonista, l'inganno architettato dal marito per ereditare il suo patrimonio non si svolge in un luogo pubblico, ma nell'abitazione della coppia. Inoltre nella storia in salsa sicula il presunto mandante dell'omicidio avrebbe ordinato di uccidere anche il legale della donna, poi soltanto a lavoro ultimato avrebbe pagato i suoi sicari. 

La ricostruzione della vicenda 

Per fortuna della signora, lo zelo dei poliziotti del commissariato di Patti ha portato all'arresto, su ordine del Gip. Il fatto sarebbe iniziato nel 2016, prima che si interrompesse la convivenza con la donna. Nel 2018 la signora sarebbe stata contattata da una terza persona che l'avrebbe messa al corrente dell'intenzione omicida dell'ex marito nei suoi confronti. I poliziotti avrebbero accertato che l'uomo controllava gli spostamenti della donna anche attraverso un Gps installato sulla sua auto. Poi su richiesta del pm di Patti Federica Urban, il Gip Ugo Molina ha emesso il provvedimento d'arresto. Dunque un lieto fine, eppure rimane un giallo all'interno del giallo: nel film Il delitto perfetto, come detto, il movente di Tony Wendice è economico; mentre nella realtà pattese, soltanto se le accuse venissero confermate, scopriremmo cosa ha spinto l'uomo all'infausto tentativo. 

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: [email protected]
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.