MARTEDÌ 09 LUGLIO 2019, 16:41, IN TERRIS

REGNO UNITO

Brexit, il doppio piano Corbyn

Contestazione dell'accordo di uscita dei Tory, richiesta di referendum bis e campagna pro-remain. Ma se si va al voto...

DAMIANO MATTANA
Facebook Twitter Copia Link Invia Scrivici
Jeremy Corbyn
Jeremy Corbyn
U

n un periodo in cui l'Europa, per un motivo o per l'altro, è stata totalmente al centro delle dinamiche internazionali, si fa quasi fatica a ricordarsi che, al di là della Manica, il Regno Unito continui a stringere i tempi per la nuova leadership Tory e, di conseguenza, per la composizione del nuovo ufficio di Downing Street, al quale passerà l'incombenza di decidere quale Brexit perseguiranno i sudditi di Sua Maestà. Al momento però, sarebbe un errore credere che la partita sull'addio all'Ue si giochi solo sul campo conservatore. Sì, la pista principale sarà quella che costruirà il leader che prenderà il posto di Theresa May ma, ora come ora, a gettare ceppi nuovi sulla fiamma è il Labour Party che, dopo un lungo periodo di incertezza, sembra avere finalmente le idee chiare: Jeremy Corbyn ha infatti annunciato che, qualunque sarà la Brexit che verrà decisa dal nuovo corso Tory, il suo partito chiederà un secondo referendum. Anche in caso si decida per un No Deal.


Scenari futuribili

Una presa di posizione inedita quella di Corbyn che, finora, era stato criticato (e la divisione sottile tra europeisti ed euroscettici all'interno dei Lab ne era stata la dimostrazione) per non aver adottato una linea perfettamente chiara sulla Brexit. Ora, invece, la posizione del partito cambia in modo sostanziale: non solo chiederà un secondo referendum ma, addirittura, qualora si dovesse realmente tornare al voto si schiererà dalla parte del remain. Il giro, però, è abbastanza complicato: nonostante la decisione di pressare sul nuovo referendum e sulla permanenza nel novero dei Paesi Ue, nella sua lettera aperta ai membri del suo partito Corbyn ha spiegato altrettanto chiaramente che gli scenari cambierebbero radicalmente nel momento in cui si procedesse con nuove elezioni. In sostanza, se il Regno Unito tornasse al voto e il Labour Party vincesse, l'obiettivo diventerà automaticamente il rispetto del voto popolare del 2016 e, perciò, l'ipotetico governo laburista si darebbe da fare per la realizzazione di un buon accordo con l'Ue. Naturalmente, quello che Corbyn propone già da un po' di tempo, ovvero con la clausola della permanenza all'interno dell'unione doganale.


La strategia di Corbyn

Ancora una volta, dunque, il leader laburista prova a tenere insieme i delicati pezzi del partito, correndo il serio rischio di scontentare tutti, in particolare la corrente europeista, tutt'altro che favorevole a un'idea di questo tipo. Tutto, ovviamente, resta nulla più che su un piano ipotetico e rende la mossa di Corbyn, almeno per il momento, abbastanza buona da metterlo al riparo da possibili faide interne: un po' perché sembra complicato andare a breve a nuove elezioni e un po' per la linea adottata per l'immediato che, per quanto gli scenari futuribili possano non intrigare, non può nemmeno scontentare gli eurofili del partito, visto che la prima parte del piano prevede la contestazione di qualunque accordo sull'uscita e un'eventuale campagna pro-Europa. In poche parole, ce n'è abbastanza per parlare di svolta nel percorso Lab e, in qualche modo, in quello sulla Brexit tutta.

Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 


Scrivi il tuo commento


Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
Italia-Armenia 9-1. Il gruppo azzurro festeggia Jorginho - Foto © Twitter
EURO 2020 | QUALIFICAZIONI

Italia dieci bellezze, l'Armenia è annientata: 9-1

Non c'è partita al Barbera: gli Azzurri chiudono a punteggio pieno. Doppiette per Immobile e Zaniolo, prima gioia per...
Silvia Romano
IL CASO

Silvia Romano, gli sviluppi a un anno dal rapimento

Prime voci sulla giovane volontaria italiana che, secondo la Procura, sarebbe in mano a un gruppo di jihadisti somali
EDUCAZIONE

Scuola, riaprire il tavolo sul costo standard di sostenibilità

Il punto al convegno "Autonomia, parità e libertà di scelta educativa in Italia promosso da USMI E CISM
Palazzo Montecitorio
IL PUNTO

Politica

ad alta tensione

Il dossier ex Ilva, lo ius soli e gli emendamenti alla manovra. Il dibattito nella maggioranza, le critiche dell'opposizione
Il ponte crollato
FRANCIA

Crolla un ponte a nord di Tolosa: muore 15enne

Un camion e due auto sono precipitati nel fiume, nove i feriti
Forma di Parmigiano Reggiano
DAZI USA

Vendite in calo del 20% per il Made in Italy

Lo denuncia Coldiretti: "E' sempre più urgente l’attivazione di aiuti compensativi"
I soccorsi
CALIFORNIA | USA

Spara durante una festa in giardino: è strage

Almeno quattro morti e sei feriti a Fresno, sconosciuto movente e killer
Ambiente

L’ambiente

In un mondo come quello in cui viviamo è necessario che in ognuno di noi cresca l’attenzione sui problemi...
Bibbia e web

L’altolà del Papa alla web-dittatura

Tra la Chiesa e la Rete nulla sarà più come prima. Sulla protezione dei minori Papa Francesco ha tolto...
Dissesto idrogeologico
EMERGENZA MALTEMPO

Dissesto idrogeologico, giovedì in Consiglio dei ministri

132 frane, 125 alluvioni, sei erosioni costiere nel piano governativo di difesa del territorio
Cristiano Ronaldo
EURO 2020 | QUALIFICAZIONI

Ronaldo non si ferma: a un passo da quota 100

Con la rete al Lussemburgo il portoghese tocca 99 gol in nazionale. Il record assoluto di Ali Daei (109) è nel mirino
Gli stabilimenti ex Ilva
EX ILVA

ArcelorMittal, ultimatum delle aziende dell'indotto

Gli autotrasportatori mordono il freno e chiedono il saldo delle fatture. Boccia: "Senza scudo penale non si firma...