LUNEDÌ 13 LUGLIO 2015, 000:10, IN TERRIS

Uniti nei valori

Uniti nei valori
Uniti nei valori
Il libro sacro più conosciuto nella storia dell'umanità è la Bibbia. Questo insieme di testi si suddivide notoriamente con l'Antico e il Nuovo Testamento. L'uno rivela e rende comprensibile l'altro e l'uno non può fare a meno dell'altro. Il libro sacro quindi già nel suo modo di comporsi ci insegna cosa fa la forza, cosa fanno coloro che sanno mettersi realmente insieme.

Il grande dramma di questi tempi è l'assoluta incapacità di costruire (dal latino cum-struere, cioè mettere insieme, ammassare), di collaborare, di fare squadra. A parole si è molto ben disponibili a volte, ma nei fatti la reale condivisione resta molto difficile. Poi quando subentrano le ideologie tutto diventa ancora più complicato. Ma oggi questa Italia sta rischiando di rinchiudersi in una solitudine goffa e autodistruttiva.

Un Paese che ha una ricchezza unica e invidiabile viene svenduto a mercenari senza scrupoli a cui non interessa il futuro, neanche quello dei propri figli. La rincorsa al "magna-magna" è sotto gli occhi di tutti ed è per questo che non possiamo restare inermi a guardare il naufragio.

In quest’ultimo anno sono sorti innumerevoli movimenti associativi con il fine di aggregare i dispersi nell’auspicio di rilanciare il Paese. Tanti solisti di buona volontà si accingono all’ardua impresa e chi ha più possibilità finanziarie prova a emergere. Ma tutto si riduce al solito giochetto che allontana il popolo dalla Cosa Pubblica. La gente è stanca e stremata dai teatrini e dalle diffuse falsità sempre più imposte con una parvenza di normalità. Bisogna avere il coraggio di voltare pagina.

E’ necessario ritrovare la via del dialogo e della partecipazione responsabile così come auspicato dal nuovo Presidente della Repubblica. E’ fondamentale ridare voce ai giovani, alle famiglie, alle imprese e alle classi più deboli.

L’esperienza nascente di “Italia Più” vuole offrire una risposta concreta alle aspettative di una Nazione che sta affrontando la più grave crisi valoriale ed economica della sua storia, rinnegando, e a volte disprezzando, le proprie radici cristiane.

Per realizzare tutto ciò occorre innanzitutto superare il conflitto generazionale in atto, cavalcato da coloro che hanno fatto della “rottamazione” la propria bandiera. Ma le divisioni non pagano come neanche i compromessi! Bisogna uscire dalla logica dello scontro, un vortice virale e sterile che è sotto gli occhi di tutti. Per farlo occorre unire esperienza ed energie vitali al fine di formare una nuova classe politica.
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
TAGS
italia pi
Facebook Twitter Google + Scrivici Scrivici
Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 

Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
L'esultanza del Milan al termine del match contro il Bologna
CALCIO | SERIE A

Frenano Roma e Napoli, sorride il Milan

Giallorossi e partenopei fermati sullo 0-0 da Chievo e Fiorentina. Primo successo per Gattuso, ok Udinese e Sassuolo
Monsignor Antonio Riboldi
NAPOLI

Addio a monsignor Riboldi, protagonista della lotta alla camorra

Il vescovo emerito di Acerra (Napoli) si è spento all'età di 94 anni
Il presidente della Repubblica Sergio Mattarella
MATTARELLA

"Il rispetto dei diritti umani è il pilastro di una società giusta"

Il messaggio del presidente della Repubblica in occasione della Giornata mondiale per i diritti umani
Il Duomo di Milano
CONCERTO DI NATALE

Arie sacre in Duomo di Milano

In scaletta le più belle "Ave Maria" del reportorio classico
Spelacchio
NATALE A ROMA

"Spelacchio", l'albero più sbeffeggiato sui social

L'abete di Piazza Venezia è considerato uno dei peggiori che Roma Capitale abbia mai avuto
La Stazione spaziale internazionale
MICRORGANISMI IN ORBITA

Trovati batteri terrestri all'interno della Stazione Spaziale

Sono stati portati in orbita dagli astronauti