MERCOLEDÌ 22 GENNAIO 2020, 00:01, IN TERRIS

Alle urne cattolici dal pensiero debole

DON ALDO BUONAIUTO
Facebook Twitter Copia Link Invia Scrivici
I

n questi giorni di vigilia elettorale è risuonata la preoccupazione della Chiesa italiana per una “religiosità debole”, confinata da alcuni nella sfera privata e strumentalizzata, da altri per prenderne, come ha ricordato il presidente della Cei, Bassetti, “solo ciò che è in sintonia con il proprio stile di vita”. E’ proprio vero: in mesi di estenuante campagna per le Regionali in Emilia Romagna e in Calabria, ci sono state clamorose “amnesie” sui temi più rilevanti dal punto di vista etico ed educativo. Temi ritenuti divisivi e in grado di far perdere voti. Tutti i candidati, tra i quali anche donne, si sono guardati bene dall’introdurre nel dibattito pubblico la liberazione dalle moderne e dilaganti forme di schiavitù. Noi che sulle strade accogliamo e sosteniamo la sofferenza delle marginalità sociali ed esistenziali, proviamo disagio e amarezza di fronte allo sconvolgente silenzio di chi aspira a rappresentare le future istituzioni.

La dignità umana, dal concepimento al suo termine naturale, non si misura dall’efficienza del sistema di morte che a tempo di record consente di sopprimere un innocente o di garantire il “dolce assassinio” dei più fragili. In alcune realtà socio-assistenziali, la buona sanità si giudica non in base alle vite che salva bensì al soddisfacimento dei desideri di chi, con differenti motivazioni, vuole liberarsi di un incomodo. Poi c’è un reale “ingombro” che stona nel clima generale di rimozione delle responsabilità individuali e storiche, ed è la legalità. E non ci si illuda che lo “sballo” di Stato provochi minori danni sociali e individuali soltanto perché una droga riceve la certificazione di ammissibilità “light”. Un pessimo segnale ad una gioventù che ha bisogno di opportunità e non di sostanze capaci di distruggerla.

In terre nelle quali si fatica a mettere in lista nomi scollegati da appartenenze inconfessabili, vale più che mai il richiamo che nei giorni scorsi echeggiava nel Vangelo: “Non si mette vino nuovo in otri vecchi”. Da qui, con lo spirito di servizio di chi opera per dare voce agli ultimi, l’appello a chi vota e a chi è votato: esistono questioni di fondo che colpevolmente sono state rimosse ma dalle quali non si può prescindere. Ecco le dinamiche malate: illudersi di ripianare i buchi dei conti pubblici lucrando sui corpi martoriati delle donne costrette a prostituirsi è una barbarie che trasversalmente deve ripugnare in qualunque campo si militi. Invece, difendere la vita e la famiglia non può essere né di destra né di sinistra: è un caposaldo di qualunque civiltà. Al tempo stesso essere onesti è il prerequisito per assumere qualsiasi carica pubblica: la coscienza non è una zavorra, è un’ancora di salvezza, come ci insegnano gli apostoli della carità. Il pensiero, lo sappiamo bene, è l’indispensabile fondamento dell’azione.

Cristiani dal pensiero debole sono condannati ad agire debolmente. Nella vita pubblica, sia essa politica, sindacale o ecclesiale, si avverte più che mai l’esigenza di un rinnovato protagonismo dei credenti. Anche la religione rischia di diventare una maschera da indossare a seconda della convenienza. Duemila anni di evangelizzazione non sono bastati a insegnare la virtù di una intraprendente prudenza che è l’opposto dell’ignavia. Chi agisce responsabilmente valuta i pro e i contro senza estremizzazioni fanatiche. Ogni giorno incontro persone smarrite, in cerca di un senso condiviso. La missione educativa dei cattolici è proprio quella di riscoprire la capacità evangelica di proporre sane alleanze partendo da ciò che unisce piuttosto che da ciò che divide. E’ la cultura dell’incontro che va ben oltre il formalismo delle tavole rotonde e degli inarrestabili manifesti molto firmati ma ben poco letti. Il Signore ha indicato la via, rimandando indietro i ricchi a mani vuote, rovesciando i potenti dai troni ( autentici e autoreferenziali ), innalzando gli umili. E cosi, magari, ci sarà meno competizione per occupare i primi posti dando così prova di maggiore intelligenza, dimostrandosi testimoni credibili e meritevoli di non essere spediti nelle retrovie.

Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 

Marco ferri
22 Gennaio 2020 @ 20:45
Il pensiero debole è figlio del magistero debole. Si vedono catechismi nelle parrocchie, distribuiti ai bambini delle elementari, in cui si descrive Gesù come un Profeta. Si condanna chi esibisce un rosario, come se fosse un reato, ma si sostiene (anche da parte di presbiteri!) chi ha emanato leggi anti famiglia e anti vita. Si evita di dichiarare apertamente che Dio, essendo Padre del Signore Gesù, NON può essere lo stesso dio dell’Islam. Ed in questo brodo di sincretismo religioso, non è normale che i cristiani abbiano in sé un “pensiero debole”?
Antonio durante
22 Gennaio 2020 @ 19:23
Ringrazio Don Aldo, l'autore dell'articolo, che è un appello a tutti i cattolici, di destra, di sinistra e di centro, di guardare con la luce della fede viva alle scelte nei prossimi appuntamenti elettorali. Il "pensiero debole" non riguarda solo l'elettorato attivo, riguarda anche l'elettorato passivo che, spesso, confonde le idee con i soggetti che dovrebbero rappresentarle con il loro stile di vita, con le loro parole, il loro esempio.
Antonio giuliano
22 Gennaio 2020 @ 19:13
Assolutamente condivisibile. Però, facciano mea culpa quei politici cristiani, o pseudo-tali, che danno cattiva testimonianza.
Francesco vitali
22 Gennaio 2020 @ 15:57
Anche per me l'unica proposta accettabile per un cattolico e quella del popolo della famiglia!
Riccardo lovi
22 Gennaio 2020 @ 11:56
Ritengo che sia fondamentale dedicare un pò di tempo e spazio a quelle figure che realmente vivono questi ideali e li vogliono portare avanti. C'è bisogno di conoscerli per poterli supportare. I masmedia ci propongono solo individui a mio parere indegni che si mostrano alle telecamere e sui social col rosario in mano, si raccomandano alla Madonna... Non dico che sia necessario rispolverare la vecchia DC ma conoscere le persone che hanno intenzione di dedicarsi alla missiione politica come servizio alla comunità con certi valori, quello si.
Renzo gubert
22 Gennaio 2020 @ 11:06
Precisa l'analisi e del tutto condivisibile; eppure non basta denunciare, ma serve agire nelle condizioni date. E per cambiare la politica ai cristiani serve un magistero equilibrato, che non si schieri con nessuno, ma domandi adesione alla dottrina sociale cristiana nella sua integralità, non solo a ciò che piace per qualche ragione.
Marco palmisano
22 Gennaio 2020 @ 11:00
Buongiorno, grazie del bel articolo. Spero che il Card BAssetti e l'jntera CEi osservando il pensiero debole dei cattolici italiani, si rendano conto che questo è innanzitutto una autocritica da farsi con grande serietà. La pochezza dell'incidenza sociale dei cattolici è figlia di troppo clericalismo e moralismo con il quale le gerarchie non sono riuscite ad educare almeno le ultime 4 generazioni di laici... che quindi se ne vanno per la propria strada, seguendo il pifferaio di turno.... saluti
Gabriele
22 Gennaio 2020 @ 10:54
Io credo che si debba anche prendere in considerazione ciò che è stato detto e fatto in rapporto ai fratelli immigrati. Su questo punto le parole di Papa Francesco sono sempre state univoche, fin dal suo primo viaggio a Lampedusa!
Giovanna franchi
22 Gennaio 2020 @ 10:15
Solo un movimento risponde alle esigenze di coerenza che vengono evidenziate in questo articolo: Il popolo della famiglia. Sarà questa formazione che, coerentemente, voterò
Gianluca vasumi
22 Gennaio 2020 @ 09:47
Caro don Aldo, grazie per la tua testimonianza. Da diversi anni siamo impegnati in una realtà politica ispirata ai valori della vita e della famiglia. Ti invitiamo a conoscere le nostre proposte e le persone che sono coinvolte. Siamo in pieno accordo con ciò che hai scritto e ci sentiamo per questo cattolici impegnati e non tiepidi. A presto!

Scrivi il tuo commento

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
La Diamond Princess
CORONAVIRUS

Giappone: iniziato lo sbarco della Diamond Princess

E' partito l'aereo che porta il personale sanitario a Yokohama per soccorrere gli italiani
Pereira Carlos Alberto Salazar
OPERAZIONE ANTIDROGA

Colombia, catturato il "Pablo Escobar" dell'eroina

Sul trafficante di droga pende una richiesta di estradizione dagli Stati Uniti
Giuseppe Conte e Matteo Renzi
GOVERNO

Conte-Renzi, sfida ad alta tensione

Accordo sulla prescrizione ma l'estenuante giornata in Senato ha assestato un altro colpo alla maggioranza
Dia
IL BLITZ

Mafia, arrestato il fratello della vedova Schifani

Giuseppe Costa è accusato di associazione mafiosa nell'ambito dell'inchiesta sul clan dell'Arenella. Suo...
MODENA

Tre ragazzi lanciano sassi contro un treno: 14enne indagato

La Procura sta procedendo per attentato alla sicurezza dei trasporti e getto pericoloso di cose
Il cardinale, Christian Wiyghan Tumi, parla con il leader d'opposizione del Camerun, John Fru Ndi, durante la cerimonia di apertura del piano di dialogo nazionale a Yaounde il 30 settembre 2019 - Foto © AFP
AFRICA

Don Forka, il prete che accusa il suo governo di genocidio

Il sacerdote ha scelto YouTube per denunciare il massacro nelle regioni anglofone del Camerun
La Diamond Princess
L'EPIDEMIA

Diamond Princess, un italiano positivo al Coronavirus

Mille sbarcati dalla Westerdam senza quarantena: tra loro 1 infetto e 5 italiani, individuati in Cambogia
Flavio Bucci nei panni di don Bastiano ne
IL LUTTO

E' morto Flavio Bucci, il don Bastiano di Monicelli

L'attore torinese è deceduto nella sua casa di Passoscuro a 72 anni. Quasi cinquant'anni di carriera fra cinema,...
Liliana Segre
LA TESTIMONIANZA

Liliana Segre, laurea honoris causa alla Sapienza

La senatrice inaugura l'Anno accademico e riceve il titolo in Storia dell'Europa: "Conoscere è...
CONFLITTO

Siria, inventa un gioco per distrarre la figlia dalle bombe

Il video è virale. Le Nazioni Unite sugli attacchi: "Abbiamo raggiunto un livello orribile"
Il prof. Giovanni Rocchi
ROMA

Oggi i funerali del fondatore di "medicina solidale"

Giovanni Rocchi espresse "il carattere più autentico della medicina". Il cordoglio dell'Univ. di Tor...
POLITICA

Milleproroghe, chiesta fiducia. Incognita decreto sicurezza

Palazzo Chigi lavora a riscrivere il decreto. Ma la vera sfida è mettere tutti d'accordo
L'imprenditore e filantropo Osman Kavala
TURCHIA

Gezi Park, il filantropo Kavala rischia l'ergaastolo

In detenzione preventiva, Kavala è accusato di aver tentato di rovesciare il governo di Erdogan
GERMANIA

Roettgen si candida alla guida del Cdu

Fino ad ora si era sempre parlato di tre candidati: l'avvocato finanziario Friedrich Merz, il ministro della Salute Jens...
Agenti della Dia di Palermo e, nel riquadro, Nino Agostino
PALERMO

Arrestato il boss Gaetano Scotto

Indagato anche per l’omicidio del poliziotto Nino Agostino e della moglie
Guardia di Finanza
BRESCIA

Maxi frode fiscale: 22 arresti

Sgominata dalla GdF un'associazione per delinquere transnazionale