Sulle orme di don Giussani

ULTIMO AGGIORNAMENTO 11:14

Si è svolta ieri pomeriggio nella basilica di Nostra Signora di Bonaria, l’ordinazione episcopale del nuovo arcivescovo di Cagliari, monsignor Giuseppe Baturi. A presiedere la celebrazione è stato il Gualterio Bassetti, arcivescovo di Perugia-Città della Pieve e presidente della Cei. Tra i  conconsacranti il cardinale sardo Angelo Becciu, prefetto della Congregazione per le Cause dei santi, il vescovo Arrigo Miglio, amministratore apostolico di Cagliari e monsignor Salvatore Gristina, arcivescovo di Catania e altri trenta presuli. I presbiteri assistenti, che hanno affiancato monsignor Baturi durante il rito, sono stati don Franco Puddu, vicario generale della diocesi di Cagliari, e don Ivan Maffeis, sottosegretario e portavoce della Cei.

Possesso canonico

Alle 14.50, mons. Baturi ha fatto il suo ingresso nella basilica. Giunto ai piedi del presbiterio ha accolto il saluto del sindaco di Cagliari, Paolo Truzzu. E' seguita la processione liturgica di ingresso. Durante la celebraziones ci sono stati gli interventi di monsignor Arrigo Miglio, all’inizio della celebrazione, del cardinale Gualtiero Bassetti, all’omelia, e dello stesso Baturi, al termine della celebrazione. Dopo la distribuzione della comunione, prima dei riti conclusivi, è stata esibita la Lettera apostolica al collegio dei consultori, alla presenza del cancelliere della curia, e si è firmato il relativo verbale. Con questo atto ufficiale monsignor Baturi ha preso possesso canonico della diocesi di Cagliari. La diretta radiofonica è stata curata da Radio Kalaritana, mentre la diretta televisiva da Videolina.

In Cei

La prima messa celebrata dal neo arcivescovo di Cagliari è stamattina quella dell’Epifania in cattedrale, poi Dalle 15.30, nella multisala “Mediterraneo” della Fiera della Sardegna l'incontro con i giovani della diocesi.  Monsignor Giuseppe Baturi, finora sotto-segretario della Conferenza episcopale italiana è il nuovo arcivescovo di Cagliari. Subentra a monsignor Arrigo Miglio che lascia per raggiunti limiti d’età.
Nato il 21 marzo 1964 a Catania, Baturi, laureato in giurisprudenza, come alunno del Seminario Arcivescovile ha frequentato lo Studio teologico San Paolo di Catania, conseguendo il baccalaureato in teologia. Successivamente ha ottenuto la licenza in Diritto canonico alla Pontificia Università Gregoriana, Sacerdote dal 2 gennaio 1993, dopo l’ordinazione è stato parroco a Valcorrente, frazione di Belpasso (1993-2002) ed economo diocesano di Catania (1999-2008).

In Sicilia

Monsignor Baturi è stato, inoltre, vicario episcopale per gli Affari economici, membro del Consiglio presbiterale, procuratore generale dell’arcivescovo, vicepresidente dell’Opera catanese per il culto e la religione, membro dei Consigli di amministrazione dell’Opera Pia dei chierici poveri, del Pio Istituto educativo San Benedetto e dell’Associazione Comitato Regina Pacis di Belpasso e del Comitato direttivo della Fondazione Michelangelo Virgilito di Palermo. È stato, inoltre, responsabile di Comunione e liberazione per la Sicilia. Cappellano di sua santità e canonico maggiore del Capitolo Cattedrale di Catania, dal 2012 è direttore dell’Ufficio nazionale per i problemi giuridici e segretario del Consiglio per gli Affari giuridici della Cei. Dal 2015 è sotto-segretario della stessa Conferenza episcopale italiana.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: [email protected]
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.