Ostensione della Sindone per i giovani

ULTIMO AGGIORNAMENTO 1:00

L'arcivescovo di Torino Cesare Nosiglia ha annunciato che la S. Sede ha concesso, in via eccezione, una visita a porte chiuse della Sindone riservata ai giovani che parteciperanno al pellegrinaggio che li porterà l'11 e il 12 agosto all'incontro con Papa Francesco in vista del Sinodo dei vescovi sui giovani che si terrà nell'ottobre del prossimo anno. Il Telo, ha spiegato mons. Nosiglia, non sarà spostato dalla sua sede nel Duomo di Torino e l'ostensione sarà un'occasione di meditazione e di preghiera. La visita sarà possibile il 10 agosto, previa prenotazione, per i giovani delle 17 diocesi del Piemonte e della Valle d'Aosta, ma anche per quelli provenienti da altre regioni d'Italia.

Le modalità della visita alla Sindone saranno dettagliate nelle prossime settimane, anche sulla base del numero dei partecipanti. Mons. Nosiglia, il responsabile regionale della pastorale giovanile don Luca Ramello e il presidente della Commissione diocesana per la Sindone don Roberto Gottardo, hanno assicurato che nessuno sarà escluso. Unica condizione è la partecipazione al pellegrinaggio. Al momento il programma prevede che il 9 e 10 agosto i giovani, provenienti da resto del Piemonte e della Valle d'Aosta, si incontrino alla Reggia di Venaria. Da qui raggiungeranno Torino dove, nel pomeriggio e nella sera del 10 agosto, verranno accolti nella Cattedrale per fermarsi in preghiera davanti alla Sindone. Nella notte del 10 il pellegrinaggio proseguirà verso Roma dove incontreranno il Papa nella veglia di sabato 11 e nella Messa di domenica 12 insieme con i giovani di tutta Italia. L'iniziativa è stata pensata in vista del Sinodo dei vescovi sui giovani nell'ottobre 2018. 

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.