La morte non avrà l’ultima parola

ULTIMO AGGIORNAMENTO 18:05

Il desiderio di incontrare Dio dimora non nel cuore, ma in un posto intimo del cuore. Se non c’è fede non c’è vita. Se non trovi qualcuno o qualcosa per cui valga la pena morire, non vale la pena vivere”. Maria Luana è una ragazza straordinariamente normale con tanti sogni e progetti, come tante ragazze della sua età. È felicemente fidanzata, si è appena laureata in psicologia e ha una voce meravigliosa. All'età di ventuno anni entra a far parte del coro “Frammenti di Luce“. Esegue numerosi concerti in Italia, incide cd e dvd come corista e solista. A ventidue anni inizia la grande e impegnativa avventura: l'esperienza della malattia. Le viene diagnosticato un tumore. Questa storia è raccontana nel  libro “L'eternità è ora. Luana, la vita, gli scritti, la voce” di Maria Luana Tagarelli e Cristina Alfano (edizioni Rubbettino).

La voce di Dio

La storia di una ragazza che tra una terapia, una chemio, interventi chirurgici e quasi cento concerti in tutta Italia, ha lottato, ma ha anche consegnato la sua vita a Dio… Il libro è composto da due parti. La prima parte, “L'eternità e ora”, è il racconto della vita di Luana, narrato attraverso gli occhi e il cuore di Suor Cristina, sua speciale compagna di Viaggio. Ogni capitolo è guidato dal titolo di un brano musicale, riportato nel CD al centro del libro. La seconda parte, “La tunica dorata”, è una raccolta dei quaderni di Luana, appunti presi durante i suoi esercizi spirituali: parole che spesso lasciano senza fiato. Luana e Suor Cristina avevano un sogno: quello di poter scrivere questo libro, con due copertine, e il loro cd al centro: una speciale storia, raccontata e cantata, dalle loro voci, dalle voci del coro Frammenti di Luce… dalla Voce di Dio. La ragazza che canta e di cui si sente la voce in sottofondo è lei: https://www.youtube.com/watch?v=jGNvUYchpEE.

 

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: [email protected]
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.