La diocesi festeggia i nuovi cresimati

ULTIMO AGGIORNAMENTO 0:01

La Cresima ti fa oggi soldato di Cristo: che lo Spirito Santo ti aiuti ad essere forte ad affrontare e superare vittoriosamente tutte le prove che la vita dovesse riservarti”. Con queste parole, Papa Francesco aveva sottolineato l'importanza del sacramento della Confermazione. La diocesi di Bolzano-Bressanone ci tiene particolarmente a trasmettere ai ragazzi che hanno ricevuto la Cresima quest'anno la consapevolezza di cui ha parlato il Santo Padre.

On fire

A tale scopo, viene organizzata una festa sabato 20 ottobre alle ore 15 con i cresimandi di quest'anno e a cui parteciperanno annche i loro padrini, madrine e i sacerdoti che hanno amministrato il sacramento. Per l'evento – ormai di carattere annuale – è stato scelto un titolo originale: “On fire”. Un nome che intende ricordare che “incontrare Dio” equivale a “prendere fuoco”. L'occasione serve a invitare i giovani e le loro famiglie a non dimenticare che la Cresima non finisce con la funzione liturgica e che una volta ricevuta, richiede una testimonianza di fede coerente e continua all'interno della propria comunità.

La festa

La realtà bilingue di Bressanone fa sì che siano state scelte due diversi sedi per lo svolgimento dell'appuntamento: i fedeli di lingua italiana sono attesi al Seminario Maggiore di Bolzano-Bressanone, quelli del gruppo linguistico tedesco e ladino presso Palazzo Vescovile. Parteciperà anche il vescovo, monsignor Ivo Muser, da tempo impegnato nel proporre una nuova pastorale della Cresima. I tre gruppi linguistici si riuniranno, comunque, nel duomo di Santa Maria Assunta e San Cassiano a Bressanone per un momento di preghiera collettivo alla presenza del vescovo. Le adesioni alla festa sono state raccolte all'interno delle varie parrocchie della diocesi. In un'intervista concessa a Paolo Tomassone per “Il Regno”, monsignor Ivo Muser aveva spiegato: “Ripensare al vero significato della cresima – che non è un evento isolato, ma una strada da percorrere a partire dalla fede – credo sia un tentativo, un tentativo serio, motivato teologicamente e dal punto di vista pastorale. Potrà portare frutti se sarà condiviso e non imposto dal vescovo”.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.