Inaugurata una cappella di adorazione perpetua

ULTIMO AGGIORNAMENTO 6:00

Con una cerimonia presieduta dal vescovo di Chascomus, monsignor Carlos Humberto Malfa, è stata inaugurata la Cappella dell'Adorazione Eucaristica perpetua nella cattedrale di Nuestra Señora de la Merced. Si tratta della quyinta cappella che viene aperta nella diocesi e si aggiunge a quelle di Dolores, Santa Teresita del Paritdo de La Costa, Brandsen y Monte. 

Un processo di nuova evangelizzazione 

Come riporta il sito online www.aica.org, agenzia di informazione cattolica argentina, la cappella per l'adorazione perpetua vuole essere uno spazio privilegiato per l'incontro con il Signore. La sua costruzione è inserita in un progetto che ha unito le varie comunità parrocchiali della città di Chascomus. Nella diocesi, infatti, è in atto un processo di nuova evangelizzazione che pone le comunità parrocchiali ed educative in uno stato di “missione permanente”. L'agenzia Aica, ha sottolineato che, linea con il piano pastorale, un dinamismo a favore dell'adorazione perpetua, alimentato dal vescovo e dai sacerdoti, è cresciuto da tempo in tutta la diocesi.

Le parole di monsignor Malfa

“Poichè l'Eucaristia è essenzialmente missionaria, l'adorazione produce in coloro che sono docili all'azione dello Spirito Santo una trasformazione che li porta fuori da sé per incontrare coloro che hanno bisogno di salvezza, consolazione e forza – ha dichiarto mosignor Malfa, come riportato da Aica.org – Accendendo nel cuore del fedele lo zelo evangelizzatore, l'adorazione perpetua darà la forza missionaria che renderà la nostra diocesi sempre più una Chiesa in cammino verso le periferie geografiche ed esistenziali del nostro tempo”. 

 

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: [email protected]
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.