Il Vangelo nelle movide del lungotevere

ULTIMO AGGIORNAMENTO 9:12

Il Centro missionario dei frati minori conventuali sarà presente nei tre mesi estivi sulle banchine del Tevere, a Roma, con uno stand durante la movida romana. La postazione, ospitata a titolo gratuito, è collocata al centro dei due chilometri espositivi (60 stand e 30 punti di ristoro), dove transitano nei 90 giorni quasi 2 milioni di persone, tra turisti stranieri, italiani e romani. “Verranno offerte proposte che aiutano a crescere nella dimensione della solidarietà, della cooperazione e della missione e anche per far conoscere le missioni dei frati conventuali in 40 Paesi del mondo”.

Africa e Amazzonia

In particolare quest’anno, spiega il Sir, lo stand offre due proposte: “Africa da promuovere” e “Amazzonia da salvare”, in vista al prossimo Sinodo dei vescovi. “Amazzonia: nuovi cammini per la Chiesa e per una ecologia integrale” è il tema scelto dall'Assemblea speciale del Sinodo dei vescovi per la Regione Panamazzonica convocata da Papa Francesco in programma dal 6 al 27 ottobre 2019. La Panamazzonia è condivisa tra nove Paesi: Bolivia, Brasile, Colombia, Ecuador, Perù, Venezuela, Suriname, Guyana e Guyana francese, ma il suo destino coinvolge l'intero pianeta. È una regione da preservare da abusi e da interessi economici non rispettosi della natura, ma altrettanto importante è l'attenzione per i suoi abitanti, circa 34 milioni di persone esposte a numerosi rischi. L'obiettivo principale, aveva spiegato Papa Francesco il 15 ottobre 2017 annunciando questo Sinodo speciale, è quello di “trovare nuove vie per l'evangelizzazione di quella porzione del popolo di Dio, in particolare le persone indigene, spesso dimenticate e senza la prospettiva di un futuro sereno, anche a causa della crisi della foresta amazzonica, polmone di fondamentale importanza per il nostro pianeta”.

 

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.