Il nuovo vescovo arriva a piedi

ULTIMO AGGIORNAMENTO 2:00

Si terrà domenica, prima di Avvento, l'ordinazione episcopale di monsignor Luciano Paolucci Bedini, vescovo eletto di Gubbio. La cerimonia avverrà alle 16 nella chiesa di San Domenico, preceduta alle 15 dal saluto delle autorità in piazza Grande. A presiedere l'ordinazione sarà il cardinale Edoardo Menichelli, arcivescovo emerito di Ancona- Osimo, diocesi di provenienza del nuovo prelato, e concelebreranno il presidente della Cei, cardinale Gualtiero Bassetti, arcivescovo di Perugia, e mons. Mario Ceccobelli, che ha retto la diocesi eugubina dal 2004 fino alle dimissioni accettate dal Papa lo scorso 27 settembre ed attualmente ne era amministratore apostolico. Saranno presenti anche numerosi vescovi umbri e marchigiani.

Il nuovo vescovo, nell'imminenza dell'inizio del suo ministero come 60° successore di S. Ubaldo, ha indirizzato una lettera ai fedeli in cui annunciava il suo arrivo a piedi: “Desidero ripercorrere a piedi il sentiero che portò san Francesco a Gubbio per iniziare la sua nuova vita nel completo abbandono alla misericordia di Dio Padre”. Mons. Paolucci Bedini è partito ieri mattina da Assisi “con alcuni amici e fratelli che mi accompagneranno lungo il cammino, e arriverò a Gubbio, in semplicità, nella giornata di sabato 2 dicembre. Non è questo l’arrivo ufficiale del nuovo Vescovo. È un atto personale di pellegrinaggio, per prepararmi, nella preghiera e nell’affidamento al Signore, a incontrare tutti voi. Prima di abbracciare la Chiesa-Sposa di Cristo desidero incontrarla come nel tempo del fidanzamento per conoscerla e imparare ad amarla. Per questo nelle due tappe di Valfabbrica e San Pietro in Vigneto incontrerò alcune famiglie e alcuni giovani, in rappresentanza di tutti voi, per accoglierli, ascoltarli e insieme condividere la gioia della preghiera”.

Un ingresso caratterizzato dunque da grande semplicità, come dimostra anche la volontà di mons. Paolucci Bedini di devolvere eventuali doni per la sua ordinazione episcopale alla Caritas diocesana come contributo per le famiglie bisognose e in difficoltà.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.