Roger Feder mette all’asta i suoi cimeli per edificare nuove scuole

King Roger mette all'asta i suoi cimeli sportivi per aiutare i bambini nati in aree povere del mondo ad avere il diritto una istruzione di qualità attraverso la costruzione di nuove scuole

ULTIMO AGGIORNAMENTO 18:03

Roger Federer è un tennista svizzero e grazie al suo grande talento ed alle vittorie conseguite in questa disciplina è considerato uno degli atleti migliori al mondo in questo sport tanto da essere soprannominato King Roger.

Trofei e cimeli sportivi del campione all’asta

Nei giorni scorsi lo stesso ha preso la decisione di mettere all’asta la sua grande collezione di cimeli e memorabilia conseguiti durante la sua luminosa carriera durata oltre 21 anni. In particolare – codesta collezione – risulta essere allo stato attuale la più grande mai vista sul mercato ed afferente ad un singolo proprietario, tanto che – vista la sua vastità – sarà suddivisa in 300 lotti ed esposta ad Hong Kong.

Un fine altruistico

La peculiarità positiva di quest’asta – che sarà battuta dal 23 giugno al 14 luglio – è la finalità benefica, in quanto l’atleta intende versare tutto il ricavato delle vendite, che si aggira intorno agli 1,15 milioni di dollari, alla Roger Federer Foundation che si pone l’obiettivo di realizzare con questa ragguardevole somma dei progetti didattici in Svizzera e in Sudafrica. A tal proposito è giovevole ricordare che la sopracitata fondazione è stata creata dal campione con l’obiettivo di permettere l’accesso ad una istruzione di qualità ai bambini più poveri e, per fare ciò, nel corso degli anni sono stati donati oltre 13 milioni di dollari per ristrutturare 400 scuole già esistenti in Africa ed edificarne ex novo 81. Questo ha permesso di aiutare oltre 1 milione di bambini nel processo di scolarizzazione e, ad oggi, sono coinvolti in nuovi programmi di sviluppo didattico oltre 300 mila bambini.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.