Ecco come è andato il primo giorno di scuola

Gli istituti scolastici alle prese con il ritorno in classe degli studenti italiani nel rispetto delle norme anticovid e non mancano soluzioni originali...

ULTIMO AGGIORNAMENTO 0:06

Sono giorni, settimane, mesi che sentiamo parlare del ritorno in classe degli studenti italiani tra mille difficoltà e ostacoli logistici da superare. Ora che le scuole sono cominciate, quali sono state le soluzioni adottate?

Le nuove classi: monumenti, prefabbricati e parrocchie

Il coronavirus e il conseguente distanziamento sociale ha costretto la scuola a diversi cambiamenti non tutti semplici e facili da realizzare, come ad esempio risolvere il problema degli spazi e così un contributo essenziale è venuto dalla creatività: monumenti, parchi, prefabbricati, palestre e parrocchie a disposizione per accogliere studenti

Nella capitale si fa a lezione al Colosseo

A Roma il Municipio I ha raggiunto un accordo con la direttrice del Colosseo per consentire agli studenti del centro storico di fare lezione all’ombra dell’Anfiteatro Flavio. E anche il Vicariato è sceso in campo offrendo 13 parrocchie e due istituti religiosi per accogliere 68 classi.   

Tre classi di una scuola elementare faranno lezione alla Curia Iulia al Foro Romano e nei Giardini Farnesiani sul Palatino. Si sta lavorando anche con la direzione Musei del Lazio per bissare in altri spazi museali da adibire alla didattica. 

A Milano largo ai prefabbricati

Palazzo Marino ha acquistato cinquanta moduli temporanei per ospitare alcune classi: i prefabbricati sono composti da moduli organizzati in modo da garantire a ciascuna classe il doppio ingresso-uscita, servizi igienici dedicati e l’accessibilità per gli alunni disabili. 

Scuola che vai, soluzione che trovi

A Vigevano (Pavia), ad esempio, il Caramuel-Roncalli ha acquistato tre maxi tendoni da allestire nella palestra dell’istituto per ospitare alcune lezioni. 

Una soluzione, quella delle palestre, molto gettonata a Napoli anche se purtroppo questo andrà a discapito dell’educazione fisica. Altra possibilità è quella di dividere l’auditorium per ricavarne due o tre aule, mentre il collegio docenti si trasferisce in cortile.

Insomma è proprio il caso di dirlo: scuola che vai, soluzione che trovi!

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: [email protected]
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.