Arriva l’olio nuovo Made in Italy con un +15% e produzione di ottima qualità

Produzione comunque al di sotto delle stime in Puglia, da cui arriva il 50% dell'olio italiano. Bene la Sicilia, malissimo il Nord

ULTIMO AGGIORNAMENTO 11:05

E’ il momento della raccolta delle olive in Italia con l’arrivo dell’olio nuovo Made in Italy del 2021. La produzione è stimata in aumento del 15% rispetto allo scorso anno e di ottima qualità.

È quanto emerge da un’analisi di Coldiretti, Ismea e Unaprol, in occasione dell’inizio della raccolta delle olive in Italia con la prima spremitura nell’azienda Terra Surti di Elio Menta a Sortino nel siracusano.

Secondo i dati, la produzione potrebbe attestarsi intorno ai 315 milioni di chili (273,5 milioni di chili l’annata scorsa), in media con le statistiche delle ultime campagne ma con un risultato inferiore alle attese.

Ad influenzare negativamente la stagione, la siccità che ha colpito la Puglia, regione che produce la metà del prodotto italiano, che resterà ben distante dagli standard tipici delle annate di carica (200 milioni di kg). Il possibile incremento produttivo è frutto di un concreto miglioramento di alcune aree con punte del 40%, compensato al ribasso da altre zone.

La Sicilia, dopo tre stagioni di difficoltà, potrebbe tornare sopra la soglia dei 40 milioni di kg, mentre qualche problema in più si registra in Calabria molto lontano dalla produzione massima regionale.

Annata negativa per Toscana e Umbria (con punte di -50%) che scontano andamento climatico incerto e potrebbero patire possibili attacchi della mosca olearia, mentre tra le regioni centrali il Lazio mantiene pressoché invariata la produzione dello scorso anno. Maglia nera della stagione al Nord, Lombardia in testa, colpito da periodi di gelo e grande caldo che hanno ridotto al minimo la produzione (stime da -60 a -80%). Numeri che rendono la ripresa del settore più lenta del previsto e rischiano di far scivolare l’Italia fuori dal podio della produzione mondiale.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.