Non solo il limone: il metodo infallibile per togliere l’odore di pesce dalle mani

ULTIMO AGGIORNAMENTO 9:48

Un buon piatto a base di pesce è davvero una cosa da intenditori, ma quando vogliamo cucinarlo ci troviamo sempre a combattere contro l’odore del pesce.

Esistono moltissimi modi per preparare il pesce: c’è chi lo ama al cartoccio e chi sotto sale, chi invece la preferisce alla griglia. Anche i crostacei rappresentano una squisita soluzione per un pranzo o una cena che vogliamo sia particolarmente buona. Ma dopo aver avviato la cottura, ci sentiamo addosso un cattivo odore. Queste è dovuto alla presenza della trimetilammina, ovvero un composto del pesce che contiene azoto. La trimetilammina si trova sulla pelle e sulle squame del pesce, aumentando di intensità con il passare del tempo. Un processo naturale assolutamente normale, ma anche molto fastidioso per il nostro olfatto.

Per non lasciarci scoraggiare in partenza dalla nostra impresa culinaria a base di pesce con cui vorremmo stupire parenti, amici e conoscenti, possiamo usare degli accorgimento per non rimanere impregnati del fastidioso olezzo. Solitamente un buon rimedi è quello di unire bicarbonato e aceto. Ma ce ne sono molti altri!

Ecco come fare

Un’altra delle soluzioni più comuni per eliminare l’odore di pesce dalle mani è il limone, ma certo la lista dei rimedi infallibili non finisce qui. Come si può evitare che il cattivo odore ci resti dopo nel caso in cui, per esempio, avessimo intenzione di cucinare una spigola? Ma è semplicissimo: è sufficiente infatti toccare il pesce con dei guanti in lattice, prima di iniziare la cottura. E dopo per pulirlo bene, lavoreremo di coltello e forchetta per eliminare la pelle e la lisca.

Questi attrezzi del mestiere però non vanno bene se abbiamo a che fare con i crostacei, pensate a come sarebbe difficile pulire un gambero. Serve davvero una mano abile ed esperta. Se invece non siamo dei cuochi provetti, ma volenterosi appassionati dei fornelli, faremmo meglio a ricorrere a quest’altro “trucco”.

La procedura è la seguente, molto facile e replicabile ogni volta che desideriamo. Innanzitutto, versare della farina – va bene di qualsiasi tipo  – in una terrina di vetro o alluminio. Subito ci va aggiunto del succo di limone e a quel punto bisogna mescolare il composto che abbiamo ottenuto. Dopo un po’ strofiniamo il tutto sulle mani, a partire dai palmi e dalle dita, sopra e sotto, ricordando di passare anche sotto le unghie, che è dove “ristagna” il cattivo odore di cui vogliamo tanto liberarci. Una volta eseguita questa operazione, passiamo a lavarci le mani con acqua tiepida e sapone. Grazie a questo trucco casalingo, le nostre mani profumeranno come prima di toccare il pesce.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.