Ecco il cerotto ispirato alla pelle degli embrioni

ULTIMO AGGIORNAMENTO 11:00

E'stato creato in laboratorio un cerotto che riesce a riparare le ferite ispirandosi alla capacità degli embrioni di guarire qualsiasi lesione della pelle senza lasciare cicatrici, capacità di auto rigenerazione che si perde negli organismi adulti. A produrre il cerotto “rigenerante” è stato il gruppo dell'Università di Harvard guidato da Benjamin Freedman. Il risultato, pubblicato sulla rivista Science Advances, è stato sperimentato negli animali con risultati incoraggianti. Per far funzionare il cerotto gli scienziati hanno utilizzato la stessa proteina degli embrioni, l'actina: prodotta dalle cellule embrionali della pelle, ogni volta che c'è una ferita di attiva 'tirando' i bordi della ferita tutti insieme in modo da sigillarla.

Test animali

Per riuscire a imitare la pelle super elastica degli embrioni i ricercatori hanno realizzato il cerotto con il materiale chiamato idrogel, costituito al 90% di acqua. A questo hanno aggiunto una molecola che reagisce al calore, un polimero chiamato PNIPAm, e particelle d'argento per proteggere la ferita da microrganismi che potrebbero causare infezioni. La sperimentazione condotta sui topi ha dimostrato che le ferite protette da questo cerotto hi-tech si rimarginano più rapidamente. “Questa tecnologia ha il potenziale per essere usata non solo per le lesioni della pelle, ma anche per le ferite croniche, come le ulcere diabetiche, le piaghe, e il rilascio di farmaci”, commenta Mooney su Ansa. Ulteriori test, evidenziano i ricercatori, saranno necessari prima di avere a disposizione tutti i dati necessari per dare il via alla commercializzazione.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: [email protected]
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.