Brevettati degli speciali indumenti per prevenire le punture di zanzara

Secondo uno studio ed i relativi dati empirici pubblicati sulla rivista Insects dei nuovi indumenti sarebbero in grado di prevenire le punture di zanzara

ULTIMO AGGIORNAMENTO 17:18

Nei giorni scorsi sulla rivista Insects è stato pubblicato uno studio portato avanti dagli scienziati della Vector Textiles, una startup dello Stato della Carolina del Nord e della North Carolina State University la quale ha brevettato e sviluppato degli speciali indumenti volti a prevenire le punture di zanzare della specie Aedes Aegipty  le quale sono responsabili della trasmissione dei virus che causano malattie di media e grave entità quali ad esempio: la febbre gialla, la dengue e la zika.

Azione efficace

I risultati a cui è giunto il presente studio sono stati molto incoraggianti tanto che, il team che ha sviluppato la ricerca – sulla base dell’esperienza di un volontario che ha indossato codesti indumenti per 20 minuti in una gabbia con oltre 200 zanzare delle sopracitate specie – ha garantito che i materiali utilizzati sono risultati efficaci al 100%, evitando al personale sottoposto alla prova tutte le punture di zanzara. Rispetto a quanto precedentemente detto, i ricercatori di questo progetto pensano che, questo modello di vestiario, potrà essere implementato ampiamente al fine di ridurre la trasmissione di malattie e contestualmente incentivare la produzione e l’utilizzo dello stesso in ogni ambito possibile, dall’uso privato fino alle forze armate.

La diffusione di nuove patologie correlate alle zanzare

In ultima istanza, è utile ricordare che, allo stato attuale, a causa dei cambiamenti climatici, alla maggiore resistenza agli insetticidi ed ai viaggi più frequenti tra paesi con un contestuale aumento di viaggiatori provenienti da diversi continenti, le patologie trasmesse come ad esempio quella denominata Chikungunya – la quale è una malattia febbrile che causa forti dolori articolari – sono giunte in Italia molto più rapidamente.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.