Sarà intitolato a Nadia Toffa un reparto di oncologia pediatrica

ULTIMO AGGIORNAMENTO 14:33

Sarà dedicata a Nadia Toffa, la conduttrice televisiva morta di cancro nella notte del 13 agosto scorso, l'Unità Operativa di Oncoematologia pediatrica dell'Ospedale Santissima Annunziata di Taranto. A darne notizia sulla sua pagina Facebook il presidente della Regione Puglia, Michele Emiliano, al quale, poche settimane fa, sono giunte oltre 90.000 firme: “In migliaia avete firmato la petizione per chiedere che venisse fatto questo gesto in sua memoria – ha scritto Emliano -. Un gesto che abbiamo fatto con il cuore, approvando oggi in Giunta regionale la delibera che dà il via all'intitolazione”. L'iniziativa è nata da un'idea di Alessandra Marotta, che ha promossa la raccolta firme per poi consegnarla al presidente Emiliano.

Il legame con Taranto

I pugliesi hanno espresso sempre un profondo affetto per Nadia Toffa che, nella sua carriera quale Iena, è stata al fianco dei più deboli. Soprattutto nella città di Taranto, la conduttrice bresciana ha sempre avuto a cuore la tutela dei bambini. L'idea di dedicarle l'Unità di Oncoematologia pediatrica nasce proprio da questo: Nadia Toffa è sempre stata particolarmente attenta alle istanze della popolazione pugliese, ma soprattutto allo stato di salute della popolazione tarantina ed in particolare dei bambini della città di Taranto: “Lo dobbiamo a Nadia – ha detto il presidente Emiliano – così come porteremo avanti alcuni dei progetti trovati da sua madre sul computer dopo la morte della giornalista. La Puglia e Taranto glielo devono”.

Cento Iene per Nadia

Intanto, questa sera in occasione della prima puntata della nuova stagione delle Iene su Italia1, cento Iene omaggeranno la memoria della compianta collega riunendosi insieme: tra loro, i volti storici del programma Mediaset, da Simona Ventura a Enrico Brignano. Durante la prima puntata dello show, condotto da Alessia Marcuzzi e Nicola Savino, sarà anche trasmesso l'ultimo video di Nadia Toffa.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: [email protected]
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.