Questo gioco vi farà impazzire: risolverlo è davvero impossibile se non usi questa tecnica

ULTIMO AGGIORNAMENTO 10:28

Usare il pensiero laterale ci permettete di risolvere i problemi con soluzioni inaspettate. Come? Ecco un esempio da applicare alla vita di tutti i giorni.

La vita presenta molteplici problemi, alcuni di facile soluzione; altri richiedono complessi calcoli matematici. Altri ancora invece ci stupiscono per le loro soluzioni inaspettate e “fantasiose”, ma mai errate dal punto di vista logico.

Queste ultime sono spesso il risultato di una analisi “diversa”: il cosiddetto pensiero laterale. Ma cos’è esattamente il pensiero laterale? Può essere chiamato anche pensiero creativo o pensare fuori dagli schemi.

In effetti il pensiero laterale affronta il problema in modo creativo, da molteplici angolazioni, e apparentemente la soluzione non sembrerebbe inerente. Ma a ben guardare è perfettamente logica, solo diversa da quello che ci aspetteremmo.

Le tre soluzioni di “5+6 sia uguale a 545”

Ma in pratica cosa significa usare il pensiero laterale? Significa trovare un approccio indiretto ad un problema di cui non vediamo immediatamente la soluzione. Ciò porta il nostro cervello ad analizzare il quesito, il dilemma, il rompicapo, da diverse angolazioni e proprio l’originalità dell’approccio conduce ad una soluzione proporzionalmente inaspettata e quasi geniale.

Oggi vi proponiamo una nuova sfida: com’è possibile che 5+6 sia uguale a 545? Vi diciamo subito che questo indovinello – realizzato da Supereva.it – va scritto con dei fiammiferi ed ha tre soluzioni che scaturiscono da un’unica mossa nel muovere uno dei fiammiferi. In comune le tre soluzioni hanno anche che sono tutte legate a una idea non convenzionale di risposta matematica ma che tuttavia rispettano l’assunto.

Pronti a dar sfoggio alla vostra creatività nel ragionare? Al di là del trovare o meno le tre soluzioni plausibili, il vostro cervello vi ringrazierà per l’allenamento sostenuto!

E dopo avervi lasciato un po’ di tempo per pensare, passiamo alla soluzione. La prima soluzione al rompicapo è piuttosto semplice: 5+6 < 545, cioè 11 minore di 545. È vero, ma come abbiamo fatto?

Abbiamo semplicemente mosso il primo dei due fiammiferi del segno = inclinandolo verso l’alto. Così, dal rappresentare il simbolo uguale, è diventato un minore. Avevate pensato a questo escamotage? Se la risposta è sì, vi facciamo i nostri complimenti, ma vediamo se riuscite ora ad andare ancora oltre con l’immaginazione e immaginare le altre due soluzioni. No? No problem, ecco come fare.

Similmente alla prima, la seconda soluzione prevede lo spostamento del fiammifero verticale del segno + verso il segno = facendolo diventare il simbolo della disuguaglianza: 5-6 ≠ 545.

Questa strada era decisamente più creativa della prima, ma con la terza soluzione vi stupiremo introducendo addirittura una espressione letterale. Basta cioè trasformare il 5 in una b per avere b+6 = 545, con b uguale a 139. Semplice? Non molto. ma il pensiero laterale, come detto all’inizio, ci porta per strade inaspettate ma pur sempre corrette nella logica. Alla prossima!

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.