Maltrattavano bimbi: maestre sospese

ULTIMO AGGIORNAMENTO 10:49

Ancora maltrattamenti di bimbi nelle scuole. La polizia di Isernia ha eseguito un mandato di sospensione ai danni di due maestre di una scuola per l’infanzia locale per aver maltrattato i bambini nelle proprie aule. Le due donne, che hanno rispettivamente 49 e 58 anni, sono state sospese dall'esercizio dell'insegnamento per maltrattamenti nei confronti di minori.

La denuncia

Come spesso accade in questi casi, le indagini sono partite dopo che alcune mamme hanno segnalato alle forze dell'ordine la possibilità di comportamenti violenti e umilianti da parte delle insegnanti. Le donne hanno notato un cambio d’umore nelle figlie e quando hanno chiesto loro a cosa fosse dovuto, le bambine hanno fatto capire che la causa era l’atteggiamento delle insegnanti.

I comportamenti denunciati dalle madri hanno poi trovato riscontro nell'attività d'indagine svolta dalla Squadra Mobile anche grazie all’utilizzo di intercettazioni audio e video che hanno prodotto prove inconfutabili. Una volta visionati i video ed ascoltati gli audio, il procuratore ha emesso l'immediata misura interdittiva a carico delle due maestre, sospese dal servizio.

I precedenti

Come riporta Viagginews.com, questo di oggi è il terzo caso in Italia di maltrattamenti ai danni di bambini negli asili riscontrato nel 2019. Nei primi giorni di gennaio, infatti, sono state sospese dall’esercizio altre 5 insegnanti ed una collaboratrice scolastica. Il primo caso è stato scoperto in una scuola materna di Castelli Romani: i video mostravano 3 insegnanti ed una collaboratrice scolastica che mantenevano atteggiamenti vessatori e violenti nei confronti dei piccoli alunni. Due giorni più tardi sono state invece sospese due insegnanti a Cassino: le donne sono state interdette dall’istituto e dalle proprie funzioni per 12 mesi.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.