Internet per il recupero degli scarti alimentari

ULTIMO AGGIORNAMENTO 11:00

Trasformare gli scarti alimentari in una risorsa economica attraverso una piattaforma internet. È l'iniziativa di alcuni giovani appartenenti alla cooperativa torinese di servizi tecnologici per le imprese, denominata Ux-Men. La piattaforma indica dove e quando sono disponibili scarti alimentari ed è in grado anche di prevedere i quantitativi e le localizzazioni delle successive produzioni.

Economia circolare

“L'idea progettuale, nata proprio dai ragazzi di Ux-Men” ha spiegato su Ansa Roberto Vogliolo, uno dei mentor dell'iniziativa “consiste nella creazione di una piattaforma IoT (l'internet per le cose) per favorire l'economia circolare tra le imprese cooperative agroalimentari, e altre cooperative che provvedono al trasporto e/o alla lavorazione degli scarti delle prime”. 

“La vera sfida per le imprese non è l'innovazione tecnologica di per sé, ma la capacità di coniugarla con i bisogni socio economici e le istanze ambientali dei territori” ha commentato su Ansa Domenico Paschetta, presidente di Confcooperative Piemonte. “Fare rete tra cooperative di più comparti e insieme favorire la sostenibilità dei territori sono principi che il movimento cooperativo considera fondamentali, ai quali questi giovani cooperatori si sono ispirati dando un impulso concreto e innovativo”, ha concluso Paschetta.

Un aspetto fondamentale del progetto – che si è recentemente aggiudicato il secondo premio all'Hackathon 'Cambiare cambiando' in occasione della Biennale della Cooperazione italiana promossa dall'Alleanza delle Cooperative Italiane – riguarda l'uso trasparente dei dati raccolti: è previsto che siano messi a disposizione di tutte le imprese partecipanti, che potranno così migliorare gestione e risultati.

 

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.