SABATO 19 OTTOBRE 2019, 12:19, IN TERRIS

STATI UNITI

Leticia, 15enne vittima della tratta: liberata, si suicida

La storia della studentessa texana rapita e costretta a prostituirsi. La famiglia: "Al ritorno non era più la stessa"

MARCO GRIECO
Facebook Twitter Copia Link Invia Scrivici
Immagine di repertorio
Immagine di repertorio
L

etty era una normale, sorridente ragazza liceale in una famiglia felice di Houston, in Texas. Poi l'incubo della tratta l'ha trasformata. E così, quel sorriso che germogliava sul suo volto di innocente e desideroso di vita è sparito e nemmeno la famiglia è riuscita a restituirglielo. Tutti gli sforzi sono stati vani: ieri Leticia ha preferito togliersi la vita. "Non era più la ragazza di prima" hanno dichiarato i genitori distrutti dal dolore ad ABC13


La ragazza della porta accanto

Leticia Serrano viveva nella città texana e conduceva una vita tranquilla. "Amava i suoi animali" racconta la madre Cynthia Rivera, che denuncia: "Nessuna notizia sui giornali, nessuno ha parlato per lei e, soprattutto, nessuna giustizia". Letty studiava nel Northside High quando, nel 2017, è stata rapita da uno sconosciuto che l'ha prima drogata, poi costretta a prostituirsi. Inizia per la piccola un incubo che l'ha segnata al punto da non lasciarle possibilità di uscita se non troncare con quella vita che il criminale aveva infranto. Nei due anni seguenti, Leticia è costretta a prostituirsi e viene recuperata solo tempo dopo, grazie all'impegno dei genitori e di un'associazione locale che si batte per la lotta alla tratta. Ad ABC13 il padre della vittima, Mariano Serrano, confessa di essere distrutto e dilaniato dal senso di colpa: "Quando è ritornata non era più la stessa" ha detto. La famiglia riconosce che "la strada più difficile è stata il recupero": "la cosa più dura che un bambino possa mai superare" ha dichiarato la nonna. In questi giorni, la famiglia ha avviato una campagna di raccolta fondi su Facebook per poter offrire un funerale dignitoso alla figlia.


Houston, città al centro della tratta

I soldi raccolti dalla famiglia serviranno anche per finanziare una campagna di prevenzione alla tratta sessuale diffusa ad Houston. "Purtroppo è una storia molto familiare" ha dichiarato Micah Gamboa, direttore esecutivo dell'associazione Elijah Rising all'emittente Khou 11: "La tratta di queste donne non ha solo a che fare con i legami fisici, ma anche emotivi e psicologici". La battaglia che sta conducendo Gamboa è, prima di tutto locale: "Intere città stanno diventando distretti a luci rosse, non è solo un problema isolato" ha denunciato, specificando che sono circa 300.000 le vittime finora accertate. Per l'associazione, inoltre, il suicidio è molto comune tra le vittime di tratta, perché i trafficanti sono raramente presi e conoscono l'indirizzo di casa: spesso minacciano di far male ai familiari delle vittime. "Vi chiedo di aiutarci e che la sua morte non vada invano - ha detto la madre di Leticia - [...]. Io sarò la voce di Letty e ho bisogno che tutti siano la sua voce per porre fine alla tratta" ha detto con la voce rotta dalle lacrime.


Intervista a Micah Gamboa, direttore esecutivo dell'assocazione "Elijah Rising" - Video © Khou 11


Il commento di Italo d'Angelo

"Questa notizia mi ha colpito e mi ha riportato davanti agli occhi i tanti volti delle ragazze che con Don Oreste e don Aldo, negli anni, sono riusciti a liberare dalla tratta, portandole via dalla strada e tramite l'Associazione Papa Giovanni XXIII a restituire loro una dignità umana" ha commentato Italo d'Angelo, raccontando la sua personale esperienza nell'associazione fondata dal Servo di Dio, don Oreste Benzi, che nel tempo ha fatto della lotta alla tratta la sua missione evangelizzatrice. Oggi il sogno di riscato di don Benzi è portato avanti da don Aldo Buonaiuto: "Don Oreste prima e don Aldo oggi non chiedevano alle ragazze: "quanto vuoi?", come tanti maschi sulle strade d'Italia ma : "quanto soffri?" E io ho visto tante ragazze piangere a questa semplice domanda, le ho viste seminude aggrapparsi ad un rosario di stoffa e custodirlo come un dono prezioso. Un vecchio prete con un prete ragazzino che giravano come vu cumprà con tanti rosari di stoffa in mano e che li regalavano a donne che chiamavano sorelline". La battaglia di don Aldo e della Papa Giovanni continua affinché termini una vera piaga sociale e gli uomini prendano coscienza dell'ipocrisia di una società che pensa di dirsi civile e poi agisce nel nascondimento.

Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 

Flavia
21 Ottobre 2019 @ 10:03
Buongiorno! Quanto mi fa soffrire sentire che ancora sopravvivono e addirittura proliferano tutte le realtà che hanno come oggetto il vedere la donna solo come oggetto di desiderio e fonte di guadagno! Quanto mi rattrista che l'atto che potrebbe essere uno dei più sacri e ricchi d'amore in virtù del sacramento del matrimonio, viene svilito a banale ricerca del piacere e del soddisfacimento di "bisogni" egoistici primitivi. ...e quanto mi fa soffrire e turbare vedere come questa società, in particolare nelle figure di chi governa, è diventata insensibile, sorda e a volte addirittura promotrice riguardo ad una realtà così degradante per la dignità dell'uomo a tal punto che esso non viene praticamente più considerato come creatura dotata di corpo, anima e spirito ma, alla stregua degli animali (se non peggio in virtù dell'uso malvagio della ragione) considerato solo partendo dalle passioni intorno alle quali sembra ormai tutto ruotare. Una preghiera per questi poveri genitori, per tutte le ragazze e donne che non hanno avuto la possibilità di vivere libere e di sperimentare l'amore, per tutte le realtà che lottano contro lo sfruttamento e per tutti coloro che oggi, portando Cristo, ricordano che l'uomo è amato ed è fatto per amare, ma amare veramente, come ha fatto Lui. Una preghiera per tutti i portatori di speranza. Buona giornata nel Signore Gesù!

Scrivi il tuo commento


Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
I panetti di droga nascosti tra le banane
REGGIO CALABRIA

Maxi sequestro di droga nel porto di Gioia Tauro

Recuperata una tonnellata di coca: la sostanza era nascosta nelle banane
L'ex europarlamentare di Forza Italia Lara Comi
TANGENTI LOMBARDIA

Domiciliari per l’ex eurodeputata FI Lara Comi

E per l'Ad dei supermercati Tigros, Paolo Orrigoni, nell'ambito dell'indagine "Mensa dei Poveri"
Il card. Matteo Zuppi
BOLOGNA

"Chiesa, territorio, imprese: deontologia e fake news"

Oggi il convegno promosso da "sovvenire", tra i presenti anche il card. Matteo Zuppi
Imprese

La ricreazione deve finire

La rivoluzione digitale sta cambiando rapidamente le comunità in cui viviamo in ogni parte del mondo: cambiano...
TESORI D€ITALIA

Nella Città dei Sassi la Borsa del turismo culturale

Per quattro giorni a Matera si incontreranno oltre 500 operatori del settore provenienti da tutto il mondo
Acqua alta a Venezia
L'EMERGENZA

Da Venezia a Matera: l'Italia è sott'acqua

Acqua alta record, Mose fantasma e danni incalcolabili alla Serenissima. Ma c'è un Paese intero preda degli eventi...
Il C130 dell'Aeronautica militare atterra a Ciampino
CIAMPINO

Attentato in Iraq, i militari feriti arrivati in Italia

Il pm Colaiocco ha ascoltato il comandante delle Forze speciali
Il colonnato del Bernini in Piazza San Pietro
EMERGENZA SANITARIA

Curarsi a Piazza San Pietro

Fino a domenica il mini-ospedale gratuito per chi non può permetterselo
Jeanine Anez
SUD AMERICA

Bolivia, Jeanine Anez si autoproclama presidente

La presidente del Senato assume la carica ad interim. Morales: "Violata la Costituzione"
Vittorio De Sica
ANNIVERSARIO

45 anni fa l’addio al padre del neorealismo

Il 13 novembre 1974 moriva a 73 anni l’attore e regista Vittorio De Sica, vincitore di 4 premi Oscar
Acqua alta a Venezia
MALTEMPO

Acqua alta a Venezia, due morti a Pellestrina

Oltre cento interventi compiuti dai vigili del fuoco, altri 100 in attesa
Bandiera europea

Scavano la fossa alla Ue

Una prova può essere una coincidenza, due prove forti indizi, la terza prova una certezza. Un vecchio adagio...