Due maestre della materna sospese per maltrattamenti

ULTIMO AGGIORNAMENTO 12:33

Nuovo caso di educatrici violente a scuola. Due maestre di una scuola dell'infanzia di Alessandria sono satte scoperte a picchiare e insultare i bimbi della scuola materna dove lavoravano. Per questo le due donne sono state sospese dall'esercizio dalla polizia e indagate per maltrattamenti.

Le indagini, condotte dagli agenti della Squadra Mobile, sotto la direzione della Procura, sono partite in seguito alla denuncia della madre di uno dei piccoli, che aveva raccolto le confidenze del figlio. Al momento sono stati accertati abusi su almeno 8 bimbi, tra i 3 e i 5 anni verso cui le insegnanti si rivolgevano con frasi ingiuriose e che in alcuni casi sfociavano anche in percosse e violenti strattoni, documentati dalle telecamere nascoste all'interno della struttura.

I precedenti

Non è purtroppo il primo caso di maestre che sfogano la propria rabbia su piccoli indifesi. L'ultimo caso lo scorso 7 settembre a Roma, dove cinque maestre di un asilo della zona Eur sono state sospese dall’esercizio del pubblico servizio con l’accusa di maltrattamenti pluriaggravati e di atteggiamento omertoso. I bambini, tra i 19 e i 36 mesi, sarebbero stati presi a schiaffi, insultati e strattonati, oltre ad essere oggetto di frasi volgari, quale ad esempio:  “Hai la stessa faccia di ca… di tua mamma”. Le indagini scattate in seguito ad una denunciata scaturita da una frase pronunciata da un bambino ai genitori: “Mamma… Maestra è cattiva… Botte, parolacce”. I comportamenti delle maestre, anche in questo caso, sono stati ripresi dalle telecamere a circuito chiuso installate dai carabinieri.

“Che vergogna! Telecamere in asili, scuole e case di riposo, questo ci vuole”, ha invece twittato il vicepresidente del Consiglio dei ministri Matteo Salvini alla notizia, apparsa 4 agosto sull'edizione fiorentina di Repubblica, di anziani maltrattati in una casa di riposo. 

 

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.