Bus in scarpata a Siena, morta una donna

ULTIMO AGGIORNAMENTO 13:31

Incidente stradale questa mattina sulla Siena-Firenze, all'altezza di Moteriggioni (Siena), dove un autobus turistico si è ribaltato finendo in una scarpata. a bordo del mezzo viaggiava una comitiva di stranieri, composta da circa sessanta persone, provenienti da diversi Paesi dell'Est Europa; erano in Italia per un toru nelle città d'arte. A dare l'allarme sono stati tre boscaioli che stavano lavorando nella zona vicino a dove l'autobus si è ribaltato, adagiandosi sul fianco destro. 

La situazione

Secondo quanto si apprende, nell'incidente sono rimaste ferite 31 persone che sono state trasportate al policlinio Santa Maria alle Scotte di Siena e in altri ospedali della zona. Quattro dei feriti sono arrivati nelle strutture ospedaliere in codice rosso, ma nessuno dei più gravi, una quindicina, sarebbe in pericolo di vita. L'Azienda ospedaliera-universitaria Senese ha comunicato di aver attivato l'unità di crisi interna per affrontare l'emergenza. In caso di necessità sono state preallertate sette sale operatorie, circa 20 i posti letti aggiuntivi tra ricovery room, terapie intensive e sub-intensive e altri reparti specialistici. 

La vittima

Nel frattempo, si è appreso che nell'incidente una persona ha perso la vita. Sarebbe una donna di circa 40 anni: il suo corpo è stato trovato dai vigili del fuoco sotto le lamiere. 

Le cause dell'incidente

Subito dopo il ribaltamento del mezzo, sul posto sono accorsi i vigili del fuoco, l'elisoccorso Pegaso che però è rimasto fermo sulla statale, e le forze dell'ordine. L'autista è già stato sottoposto ad alcoltest e sarebbe risultato negativo. L'autobus ha sfondatoil guardrail ed è finito in una scarpata terminando la sua corsa in un bosco. 

 

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: [email protected]
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.