Blitz antidroga nel Foggiano: 9 arresti nell’operazione “Family Business”

L'operazione "Family Business" è stata eseguita oggi a San Severo e San Paolo di Civitate al fine di contrastare l'attività di spaccio locale

ULTIMO AGGIORNAMENTO 11:19
Elicottero dei carabinieri (immagine di repertorio)

Un’operazione antidroga, denominata ‘Family Business’, è stata eseguita oggi dai carabinieri a San Severo e San Paolo di Civitate al fine di contrastare l’attività di spaccio in provincia di Foggia.

Operazione Family Business

I militari della Compagnia di San Severo, in collaborazione con i ‘Cacciatori di Puglia’, i Cinofili di Modugno e un elicottero da Bari hanno arrestato nove persone, in esecuzione a un’ordinanza di custodia cautelare in carcere emessa dal gip del Tribunale di Foggia, su richiesta della locale procura. Tutti i soggetti sono accusati, a avario titolo, di detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti nel Foggiano.

Nello specifico, hanno ricostruito gli inquirenti in conferenza stampa, i nove arrestati farebbero parte di due sole famiglie – da qui il nome dell’operazione – che si erano divise le piazze dello spaccio di San Severo e San Paolo Civitate.

Si tratta delle famiglie Pappadopola e D’Aloia che, scrive Ansa, guadagnavano fino a diecimila euro a settimana vendendo droga, prevalentemente cocaina e hashish, nei vicoli delle due cittadine diventate roccaforti dello spaccio.

La gestione delle attività illegali era affidata ai capi famiglia con l’aiuto dei figli. Al telefono gli indagati utilizzavano espressioni come “portami un panino” oppure “prendi la birra” per indicare lo stupefacente.

Il precedente

L’ultimo duro colpo in ordine di tempo ai clan dediti allo spaccio di droga nel Foggiano era accaduto pochi giorni fa. Lo scorso 26 ottobre, infatti, nell’ambito del blitz antimafia “Araneo“, messo a segno Foggia, i carabinieri del Nucleo investigativo del Comando provinciale avevano smantellato un’organizzazione criminale dedita al narcotraffico in Capitanata – distretto storico-culturale foggiano – che faceva affari per complessive centinaia di migliaia di euro anche sulle piazze di Abruzzo e Molise.

Sedici le persone sottoposte a misura cautelare, tutte facenti parte di un gruppo, strutturato come una vera e propria azienda, in grado di stringere rapporti d’affari e di ‘buon vicinato’ con i clan del Gargano e con la batteria avversa della ‘Società Foggiana’.

Lo scorso 27 settembre, sempre a Foggia, i militari avevano sequestrato in un’abitazione 13 chili di droga – tra cocaina, hashish e marijuana – e arrestato 3 persone per traffico di sostanze stupefacenti. Il blitz era stato organizzato in risposta all’escalation criminale che aveva colpito Foggia in quelle settimane.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: [email protected]
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.