L’urgenza di non lasciare sole le coppie nel desiderio di genitorialità. Intervista alla fondatrice della onlus “Strada per un sogno”

"Le emozioni sono tutte molto amplificate: paura, rabbia, senso di colpa, invidia, competizione, disperazione, smarrimento, solitudine, pietà", spiega a Interris.it l'avvocato Matilde Percolla. L'esigenza di recuperare la serenità interiore

ULTIMO AGGIORNAMENTO 0:05
maternità
Il desiderio di maternità e paternità non può talvolta prescindere dall’esigenza di un supporto. Soprattutto in un percorso verso la genitorialità lastricato di difficoltà. “Le emozioni sono tutte molto amplificate- spiega a Interris.it l’avvocato Matilde Percolla, fondatrice della onlus “Strada per sogno“-.  Paura, rabbia, senso di colpa, invidia. Competizione, disperazione, smarrimento, solitudine, pietà. Nella maggior parte dei casi, però, finito il percorso verso la maternità, facilmente si recupera una serenità interiore capace di cancellare tutto il vissuto“.
maternità

La strada verso la maternità

Aggiunge l’avvocato Percolla: “A volte lo stato psico-fisico alterato, porta alcune coppie, a rinunciare al progetto di diventare genitori. Ecco perché ‘Strada per un sogno onlus’ ritiene importante dedicare gran parte della propria attività al supporto psico-fisico delle coppie. Proprio al fine di evitare che lo stress vissuto durante il loro cammino possa diventare un problema più serio”.
mamme
Cosa comporta la decisione di intraprendere un percorso di fecondazione assistita?
“La decisione di intraprendere un percorso di procreazione medicalmente assistita (pma) avviene dopo un processo. Quello di accettazione dell’esistenza di una problematica legata alla difficoltà del concepimento. Un processo molto lungo e sofferto. Tranne nei casi di una patologia pregressa nota. Iniziare il percorso significa, innanzitutto, accettare l’infertilità. E non per tutti è  semplice. Perché sin da subito si deve fare i conti con il cosidetto “lutto biologico”. E quindi con la consapevolezza di non riuscire a procreare. Tale processo coinvolge ogni ambito della persona. Le relazioni interpersonali con la  famiglia, amici, la coppia in sé. E la percezione, in generale, degli altri. Non di rado, infatti, le coppie che ricorrono a pma necessitano di supporto psicologico. Proprio per affrontare al meglio il percorso”.
maternità
Quali sono le differenze a seconda che lo si faccia all’estero o in Italia?
“Fino a circa 10 anni fa, il ricorso alle tecniche di pma all’estero, erano molto diffuse. Per una serie di motivazioni legate alla Legge 40/04 che poneva non poche problematiche. Sia relativamente alla fecondazione omologa che eterologa. La gestione del trattamento all’estero, quindi, era molto faticosa per le coppie. Sia emotivamente sia economicamente. Con diverse difficoltà anche di comunicazione con le cliniche. Oggi c’è stata una serie di importanti modifiche alla legge 40/04. Su iniziativa di molte coppie ci sono innovative sentenze della Corte Costituzionale sull’accesso alla pma tra Italia ed estero. La situazione italiana si è allineata. Ora dipende da una scelta consapevole e volontaria della coppia. Ed è sicuramente più semplice da gestire. Anche per una serie di adeguamenti nei centri esteri che hanno agevolato la gestione del percorso”.
maternità
Può capitare di avvertire la solitudine in questa esperienza?
“La solitudine è una dei sentimenti che più ricorrono durante il percorso di pma. Solitudine a 360 gradi. Ci si sente soli nei confronti di un mondo. Sia esterno (società e amici). Ma anche interno (famiglia, compagno/a). Un mondo che non conosce le tue sofferenze. Oppure che non le comprende fino in fondo. C’è solitudine poi nel senso di senso di abbandono da parte dello Stato. Che non è ancora stato in grado di comprendere pienamente l’importanza della pma. E che non emana leggi adeguate, in grado di permettere l’accesso uguale per tutti ed in ogni regione”.
maternità
Può farci un esempio?
“Spesso si cerca, anche attraverso i social, di avvicinarsi ad altre persone che stanno intraprendendo lo stesso percorso. Al fine di condividere esperienze, emozione e informazioni. E’ proprio così che è nata la rete di ‘Strada per un sogno’. La nostra associazione ha la primaria funzione di non lasciare sole le coppie. E di renderle protagoniste di ogni nostra iniziativa. Anche al fine di normalizzare il percorso e la problematica. Cancellando quel senso di solitudine ed abbandono tipico di questa esperienza”.
Quali sono i possibili ostacoli sul percorso intrapreso per realizzare il sogno della maternità/paternità?
“La pma non è in grado di assicurare il risultato. Tante coppie pur ricorrendo alla Pma, infatti, non riescono, comunque, a coronare il sogno di diventare genitori. La scienza può aiutare, ma non è miracolosa. E il processo naturale di concepimento deve comunque fare il suo corso. Ci sono ancora tante variabili. Legate a patologie non facilmente diagnosticabili (i cosiddetti “sine causa”). O processi di attecchimento in utero degli embrioni. Che non consentono neanche al miglior trattamento di pma di raggiugere il risultato. E in alcuni casi un gravoso ostacolo a volte è determinato dalle ingenti spese. Che diventano a volte insostenibili per le coppie”.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.