Home Chiesa Cattolica “Lo sguardo su Gesù”. Appello del patriarca di Venezia Moraglia

“Lo sguardo su Gesù”. Appello del patriarca di Venezia Moraglia

La speranza cristiana che "ci permette di stare nella storia come persone salvate, redente in Gesù", secondo monsignor Francesco Moraglia

ULTIMO AGGIORNAMENTO 0:05
patriarca
Il campanile di San Marco, a Venezia

Al tempio votivo alla Giudecca il catechesi del patriarca di Venezia sul Risorto. “Abbiamo bisogno di tornare a fissare lo sguardo su Gesù”, afferma monsignor Francesco Moraglia nella solennità del Santissimo Redentore. “Ai cristiani è chiesto– oggi più che mai- di annunciare la presenza di Dio in questo mondo. Con parole e comportamenti conseguenti. Propri di chi è nel mondo. Ma non aderisce alla sua logica. Ma per farlo abbiamo bisogno di un senso. Di una direzione. Di quell’amore eterno che ci ama da sempre”.patriarca

Il monito del patriarca

Aggiunge il patriarca :“Più che di filosofie o etiche a cui fatichiamo a dare fondamenti condivisi. Abbiamo bisogno di tornare a fissare lo sguardo su una persona. il Signore Gesù, il Santissimo Redentore. È Lui la sintesi e la testimonianza eterna dell’amore di Dio per l’umanità. E’ Lui la possibilità credibile e affidabile, per gli uomini e le donne di oggi, di ritrovare un significato pieno e bello per la vita e la storia. Sapendole ‘leggere’ ed assumendole fino in fondo. Ma, nello stesso tempo, andando oltre la dimensione storica che non ci appaga e soddisfa proprio perché finita”.patriarca

Speranza cristiana

Bisogna, secondo il patriarca, che “la speranza cristiana sia risorsa reale nella nostra vita. Così da permetterci di stare nella storia come persone salvate. Come persone redente in Gesù”. Al termine della celebrazione il patriarca Moraglia ha impartito la benedizione eucaristica alla città. Come è tradizione, dalla sommità della scalinata della basilica del Redentore.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.