Il Papa a Kirill: “Possa lo Spirito Santo renderci veri operatori di pace, specialmente per l’Ucraina”

Il testo della lettera che Papa Francesco ha inviato al patriarca Kirill in occasione della Pasqua che alcune chiese cattoliche e ortodosse hanno celebrato ieri

ULTIMO AGGIORNAMENTO 10:50

“Caro fratello! Possa lo Spirito Santo trasformare i nostri cuori e renderci veri operatori di pace, specialmente per l’Ucraina dilaniata dalla guerra, affinché il grande passaggio pasquale dalla morte alla nuova vita in Cristo diventi una realtà per il popolo ucraino, desideroso di una nuova alba ce porrà fine all’oscurità della guerra”. E’ questo il passaggio centrale della lettera che Papa Francesco ha inviato al Patriarca di Mosca e di tutte le Russie Kirill, in occasione della Pasqua che alcune chiese cattoliche e ortodosse hanno celebrato ieri. Il testo della lettera è riportato da Vatican News.

La lettera di Papa Francesco

Nella lettera, Francesco sottolinea che in questo tempo “sentiamo tutto il peso della sofferenza della nostra famiglia umana, schiacciata dalla violenza, dalla guerra e da tante ingiustizie”. Nonostante questo, scrive, “guarderemo ancora con cuore grato che il Signore ha preso su di Sé tutto il male e tutto il dolore del nostro mondo”, si legge su Vatican News.

La morte di Cristo – afferma ancora il Pontefice – è stata l’inizio di una nuova vita e di liberazione dai vincoli del peccato e un’occasione per la nostra gioia pasquale, aprendo a tutti la via dall’ombra delle tenebre alla luce del regno di Dio”. L’invito è a pregare gli uni per gli altri “per portare una testimonianza credibile del messaggio evangelico di Cristo risorto e della Chiesa come sacramento universale di salvezza”, affinché “tutti entrino nel regno della giustizia, della pace e della gioia nel Spirito Santo”.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.