Notre Dame, primo concerto dopo l’incendio. “Segno di speranza”

La musica sacra torna a Notre Dame nel segno dell'emozione e della speranza di poter far nuovamente risuonare la voce di tutti i cantanti nella cattedrale di Parigi

ULTIMO AGGIORNAMENTO 0:05
Notre Dame

Dopo aver resistito alle fiamme nell’aprile 2019, per Natale la cattedrale di Notre Dame ha lanciato un messaggio di speranza all’umanità. Con un concerto registrato al suo interno. E’ il primo concerto di musica sacra dall’incendio. Ed è stato trasmesso ieri sera in televisione.Notre Dame

Notre Dame, cuore sacro di Parigi

Si è trattato di un concerto di Natale altamente simbolico per il Coro di Notre Dame di Paris. Nel segno dell’emozione. E della speranza di poter far nuovamente risuonare la voce di tutti i cantanti nella cattedrale. Spiega la diocesi di Parigi: “Al di là della rinascita dell’edificio religioso, c’è il simbolismo della speranza. E del sapersi meravigliare. Molto significativo nel contesto attuale. Mentre si chiude un anno impegnativo. E se ne apre un altro con la pandemia”.Notre Dame

La Natività della rinascita

Un messaggio arrivato dalla Santa Sede fa notare che “la Natività ha come un’aria di risurrezione. Sotto la volta di Notre Dame. Ancora sorretta da sostegni“. Il concerto di Natale nella cattedrale ha coinvolto 20 cantanti adulti del coro di Notre Dame. Diretti dal maestro Henri Chalet. Accompagnati dall’organista Yves Castagnet. Dalla soprano Julie Fuchs. E dal violoncellista Gautier Capucon. E’ stato registrato senza pubblico. E nello stretto rispetto delle norme sanitarie anti-Covid. E’ stato trasmesso ieri sera dall’emittente televisiva France 2. Prima della messa di mezzanotte.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.