Un progetto missionario che da Lucca arriva al cuore dell’Africa

Diocesi di Lucca, gli alunni della Scuola Carducci sostengono un progetto missionario in Rwanda per i minori affetti da handicap motori e neurologici

ULTIMO AGGIORNAMENTO 0:05
Africa

Dall’arcidiocesi di Lucca all’Africa. I ragazzi della Scuola statale secondaria di primo grado “Giosuè Carducci” di Lucca hanno consegnato all’arcivescovo Paolo Giulietti il frutto della loro iniziativa solidale. Cioè i proventi di una raccolta fondi destinata ad un progetto missionario in Rwanda. A dare notizia della consegna è una nota della diocesi toscana. Erano presenti anche la dirigente scolastica Dora Pulina e la professoressa Paola Rossi. Sono le responsabili che hanno seguito il percorso avviato a dicembre. Quando gli alunni della “Carducci” si sono avvicinati alla conoscenza di alcuni progetti missionari. Portati avanti in Africa dall’arcidiocesi di Lucca.Africa

Lucca per l’Africa

“L’arcivescovo Paolo Giuletti- riporta il Sir, agenzia di stampa della Cei– ha ringraziato la scuola. I ragazzi. E le loro famiglie. Per questo importante gesto di solidarietà. Il Centro missionario diocesano informa che quanto raccolto dai ragazzi andrà a sostenere il progetto ‘Piccoli Passi’. Una realtà che si occupa del recupero e della rieducazione di minori. Affetti da handicap motori e neurologici”. Tale progetto, sostenuto dalla Chiesa lucchese, è operativo all’interno della diocesi di Byumba in Rwanda su tre centri. A Nyinawimana, Kinjojo e Nyarurema. “Grazie anche alla raccolta della Scuola ‘Carducci’, come ad altre simili, nel 2022 il progetto ‘Piccoli passi’ si implementerà. Con altri centri sempre nella stessa diocesi rwandese”.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.