Il senso dell’Avvento in pausa pranzo

Avvento: Padova, “pausa pranzo” ogni mercoledì nella chiesa di San Gaetano con musica e celebrazione eucaristica

ULTIMO AGGIORNAMENTO 17:00
Avvento

L’Avvento è iniziato con i primi Vespri della prima Domenica di Avvento e terminerà con i primi Vespri di Natale. Il colore dei paramenti liturgici indossati dal sacerdote è il viola.

Avvento
Foto © Vatican Media

Avvento di preghiera e musica

Pausa pranzo come occasione per riflettere, pregare e lasciarsi cullare dalla musica. Sono gli ingredienti, riferisce il Sir, della proposta del Centro universitario di Padova per il tempo d’Avvento. Nella chiesa di San Gaetano (via Altinate 73). Ogni mercoledì una “pausa pranzo” particolare. Dalle 12.30 alle 13.30, ci si potrà fermare nella chiesa. Per nutrire mente e spirito, in questo tempo d’Avvento. Tempo prezioso per andare incontro al Natale e ritrovare la vera origine di questa festa cristiana.

Momento di riflessione

Un’ora per vivere un momento di pace, di riflessione, ascoltando brani musicali offerti da giovani artisti e la lettura di alcuni testi sacri e partecipare alla celebrazione eucaristica alle ore 12.45”, precisa l’agenzia di stampa dei vescovi italiani. Oggi, ad accompagnare la pausa pranzo saranno due violinisti della Bottega Tartiniana (Sofia di Mambro e Roberto Sorgato) e la pianista Martina Delluniversità. Con alcuni brani di Charles Debussy, Johann Sebastian Bach, Giuseppe Tartini, Johann Pachelbel e Johannes Brahms. I brani musicali che faranno da cornice (momento di meditazione iniziale e finale) e animazione musicale della celebrazione eucaristica saranno intervallati da alcune letture scelte dalla scrittrice Antonia Arslan. Avvento

Lontani confini

Una lirica del poeta Daniel Varujan (“Notte sull’aia” tratta da “Il canto del pane”) e “Un poeta è tornato tra noi da lontani confini”, introduzione della stessa Arslan a “Il canto del pane”. Quattro sono le domeniche di Avvento nel rito romano, mentre nel rito ambrosiano sono sei.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.