Il Papa in Giappone? Tokyo ci prova

ULTIMO AGGIORNAMENTO 11:20

Governo giapponese al lavoro con il Vaticano per organizzare una visita di Papa Francesco sul suolo nipponico nel 2019. 

Al lavoro

Lo ha confermo il ministro degli Esteri giapponese, Taro Kono. La notizia è stata rilanciata da diversi media del Paese asiatico. E' stato lo stesso Pontefice, lo scorso settembre, a manifestare il desiderio di visitare il Sol Levante. L'occasione è stata l'incontro in Vaticano con i membri dell'associazione “Tenso Kenoh Shisetsu Kensoukai“.  “Approfittando di questa visita, vorrei annunciarvi la volontà di visitare il Giappone l’anno prossimo – aveva detto Bergoglio -. Speriamo di poterlo fare“.

Il primo incontro

Nella stessa occasione il Papa aveva ricordato il primo incontro fra il mondo cattolico e quello nipponico. “Più di 400 anni fa, nel 1585 – aveva detto – quattro giovani giapponesi arrivarono a Roma, accompagnati da alcuni missionari Gesuiti, per visitare il Papa, che era allora Gregorio XIII. Fu un viaggio straordinario, poiché era la prima volta che un gruppo di rappresentanti del vostro grande Paese veniva in Europa. I quattro giovani ebbero un'accoglienza meravigliosa, non solo da parte del Papa, ma anche di tutte le città e le corti che attraversarono: Lisbona, Madrid, Firenze, Roma, Venezia, Milano, Genova… Gli europei incontrarono i giapponesi e i giapponesi incontrarono l’Europa e il cuore della Chiesa Cattolica. Un incontro storico fra due grandi culture e tradizioni spirituali, di cui è giusto conservare la memoria, come fa la vostra Associazione. Il vostro è più breve e meno faticoso. Ma io spero che vi sentiate accolti dal Papa come lo furono loro e che, come loro, gustiate la gioia di questo incontro e siate incoraggiati a tornare nel vostro Paese come ambasciatori di amicizia e promotori di grandi valori umani e cristiani”. L'ultimo Pontefice a visitare il Giappone è stato Giovanni Paolo II nel 1981. 

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.