Sabato il Giubileo degli Ammalati e degli Operatori Sanitari

Al santuario di San Gabriele dell’Addolorata l'etica della prossimità come strumento di inclusione sociale

ULTIMO AGGIORNAMENTO 17:00
giubileo

Il 4 settembre è in programma il Giubileo degli Ammalati e degli Operatori Sanitari. La prossimità come via per una nuova cultura della salute. Sarà questo il tema al centro del Giubileo degli Ammalati e degli Operatori Sanitari. L’evento si terrà sabato nel Santuario di San Gabriele dell’Addolorata. Ed è parte dei festeggiamenti per il centenario della canonizzazione del santo patrono d’Abruzzo. Un appuntamento ricco di spunti di riflessione di carattere medico, culturale e pastoral. Nonché di momenti di preghiera.Giubileo

Programma del Giubileo

Il programma prevede in apertura i saluti del vescovo di Teramo-Atri. Monsignor Lorenzo Leuzzi. A seguire i saluti del direttore generale della Asl di Teramo, Maurizio Di Giosia. E dell’assessore regionale alla Sanità, Nicoletta Verì. Interverranno, poi, la presidente dell’Ospedale Bambino Gesù di Roma, Mariella Enoc. Il nosocomio pediatrico della Santa Sede rappresenta un’eccellenza assoluta nel panorama sanitario internazionale. Monsignor Tommaso Valentinetti, arcivescovo di Pescara-Penne. E delegato della Conferenza episcopale abruzzese e molisana per la pastorale della Salute. Verranno presentate le prospettive di impegno. Quindi il cardinale Giuseppe Petrocchi, arcivescovo dell’Aquila e presidente dell’episcopato abruzzese e molisano, presiederà la celebrazione eucaristica. Al termine della quale ammalati e operatori sanitari attraverseranno la Porta Santa nell’antico santuario. Nel pomeriggio sarà poi protagonista il mondo del volontariato. Con il 40° pellegrinaggio regionale della sezione Unitalsi dell’Abruzzo.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.