Fino a giovedì l’Assemblea on line dei vescovi austriaci

Austria: fino all'11 marzo si terrà per la prima volta online l’Assemblea plenaria dei vescovi

ULTIMO AGGIORNAMENTO 17:00
Assemblea

In Rete per precauzione anti-Covid. Si tiene fino a giovedì in videoconferenza l’Assemblea plenaria della conferenza episcopale austriaca. E’ guidata dall’arcivescovo di Salisburgo. L’assemblea era prevista come incontro in presenza a Seitenstetten, riferisce il Sir. Ma dovrà tenersi online per una persona contagiata dal Covid-19. Ed entrata in contatto con l’arcivescovo Franz Lackner. Lo stesso presidente della Conferenza episcopale non ha sintomi di malattia, è risultato negativo. Però da allora si è autoisolato.

Austria
La statua di Santa Corona nella Cattedrale di Wechsel, in Austria – Foto © Wikipedia

Assemblea a distanza

L’ufficio stampa dell’arcidiocesi di Salisburgo ha riferito che tutte le attività dell’arcivescovo sono state immediatamente rinviate. O passate alle videoconferenze. L’arcivescovo di Salisburgo, comunque, aprirà come previsto l’assemblea generale. Ma on line e la presiederà fino alla sua conclusione giovedì 11 marzo. Tra i temi, un approfondimento sulla tratta di esseri umani. Il cui contenuto è stato preparato dal vescovo ausiliare di Vienna, monsignor Franz Scharl.Assemblea

Offerte di aiuto

I confronti verteranno anche sugli effetti della pandemia di Covid-19 sulla vita ecclesiale. La pastorale assistenziale. E le offerte di aiuto. A illustrare il programma e gli argomenti della prima Assemblea on line in Austria è stato, in un’intervista a Kathpress, il segretario generale della Conferenza episcopale, Peter Schipka. Nell’agenda dei vescovi anche le questione bioetiche. Dal suicidio assistito alla cura della morte. Una situazione divenuta incandescente per la decisione della Corte costituzionale di depenalizzare l’accompagnamento suicidale.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.