Giornata internazionale della disabilità. In chiesa senza barriere

A Ravenna il vescovo celebra messa in Lis e audiodescritta il 3 dicembre

comunicare
Una messa audiodescritta e tradotta in lingua italiana dei segni, grazie ad un interprete, sarà celebrata il 3 dicembre nel duomo di Ravenna, in occasione della Giornata internazionale delle persone con disabilità, dall’arcivescovo Lorenzo Ghizzoni, È la prima volta che si sperimenta una celebrazione di questo genere in diocesi. L’idea è dell’Ufficio di pastorale delle persone disabili con la collaborazione dell’ente nazionale sordi, di Unitalsi, Mac e Centro volontari della sofferenza. L’iniziativa è inserita nel calendario nazionale degli appuntamenti della Pastorale Cei per le persone con disabilità che il 2 dicembre alle 15 organizza un webinar dal titolo “E vissero per sempre infelici e scontenti? Le persone con disabilità acquisite”. 
disabilità

Fede oltre la disabilità

L’impegno della Chiesa italiana per “utilizzare le nuove tecnologie a sostegno dell’ inclusione per ‘fare rete‘”. E per “rendere le persone con disabilità soggetti attivi nell’ordinarietà delle comunità”. A testimoniarlo è suor Veronica Donatello è la responsabile del Servizio nazionale delle persone con disabilità della Conferenza episcopale italiana. “Stiamo lavorando per accompagnare l’abitare e il progetto di vita delle persone con disabilità e di chi è al loro fianco- spiega la religiosa-. Va approfondita ancora la formazione del clero e dei seminaristi come ha chiesto papa Francesco. Mentre è iniziato un percorso di formazione per gli operatori pastorali. Nell’ambito antropologico. Pedagogico. Etico-legislativo. E spirituale. Stiamo approfondendo e supportando la tematica. Per quanto riguarda la qualità di vita, di fede dell’età adulta e anziana. Anche nei contesti residenziali lavorando in sinergia con le Congregazioni religiose. Con le Società di Vita apostolica. E con le realtà aggregative”.