Disastro Covid in Paraguay, l’aiuto della Chiesa allo Stato

Sempre più grave la situazione sanitaria, economica e sociale in Paraguay. I vescovi propongono al presidente “un tavolo di dialogo” per affrontare la pandemia

ULTIMO AGGIORNAMENTO 5:18
Paraguay

Sos “fosse comuni” in Paraguay per l’emergenza Covid. Da giorni, riferisce Fides, la situazione in Paraguay è molto critica. Non ci sono più posti nei reparti di terapia intensiva. Sia nel settore pubblica. Sia nel privato. Da qui la proposta di collaborazione dei vescovi contro la crisi Covid.

paraguay

“Cimiteri umanitari” in Paraguay

Pablo Lemir, principale medico forense del ministero della Sanità, afferma che il Paraguay forse dovrà usare i cosìddetti “cimiteri umanitari”. Che non sono altro che le fosse comuni. Ciò dinanzi alla enorme quantità di morti per Covid. A questa grave situazione di crisi si aggiunge che i vaccini destinati al Paraguay ancora non arrivano.Paraguay

Tavolo vescovi- governo

Sono i vescovi a formulare una proposta per risolvere parte della crisi: “Un tavolo di dialogo per reindirizzare la guida del nostro Paese”. La Conferenza episcopale paraguaiana (Cep) invitano il presidente della Repubblica ad “essere in costante ascolto della gente“. Non sarà l’episcopato a guidare l’eventuale tavolo. “Noi non siamo giudici- spiegano i vescovi del paese sudamericano visitato da papa Francesco  -. Ma potremmo essere presenti.  Accompagnando tutti. Il governo. Il popolo. Tutta la cittadinanza”.

Appello

Il messaggio è firmato dal presidente della Conferenza episcopale paraguaiana (Cep). A rivolgersi alle istituzioni e ai cittadini è monsignor Adalberto Martínez Flores. Il vescovo di Villarica chiama a “praticare le buone opere”. In favore della popolazione. Per proteggerla dal contagio del Covid-19. La pandemia sta colpendo duramente il Paese in questa seconda ondata.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.