Cei: “Tutte le Chiese in Italia si uniscano in una preghiera corale”

L'appello della Conferenza episcopale italiana per la Giornata di digiuno indetta da papa Francesco per il prossimo 2 marzo

ULTIMO AGGIORNAMENTO 23:28
Fede
Pixabay

Le drammatiche immagini delle azioni militari in Ucraina provocano dolore e scuotono le coscienze. Nel condannare fermamente la scellerata decisione di ricorrere alle armi,
esprimiamo vicinanza al popolo ucraino e alle comunità cristiane del Paese. Ogni conflitto porta con sé morte e distruzione, lacera il tessuto sociale e minaccia la convivenza tra le nazioni.

La memoria di quanto accaduto nel Vecchio Continente nel secolo scorso deve
indurci a rinnegare ogni discorso di odio e ogni riferimento alla violenza, spronandoci
invece a coltivare relazioni di amicizia e propositi di pace.

È il desiderio dell’umanità intera, è l’impegno dei Vescovi del Mediterraneo che riuniti in questi giorni a Firenze per l’Incontro “Mediterraneo frontiera di pace” hanno chiesto ad
una sola voce di far tacere le armi. Siamo chiamati, come diceva Giorgio La Pira, a “usare il metodo d’Isaia: convertire, cioè, in investimenti di pace gli investimenti di guerra:
trasformare in aratri le bombe, in astronavi di pace i missili di guerra!”.

Facciamo appello alla coscienza di quanti hanno responsabilità politiche affinché si fermi al
più presto la follia della guerra. Allo stesso tempo, invitiamo tutte Chiese che sono in Italia a unirsi in una corale preghiera per la pace e ad aderire alla Giornata di digiuno indetta da Papa Francesco per il prossimo 2 marzo, Mercoledì delle Ceneri.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.