Cos’è “Catitablet”: il nuovo progetto della Chiesa in Angola

Un "aiuto concreto" per i sacerdoti per poter trasmettere al meglio il messaggio e la Parola di Dio

ULTIMO AGGIORNAMENTO 12:37

Si chiama “Catitablet”, cioè il “Catechismo sul tablet”, il nuovo progetto della Chiesa Cattolica avviato in Angola durante il periodo della pandemia causata dal coronavirus. La notizia è stata riportata dal sito online vaticannews.va.

Ecco cos’è “Catitablet”

Il progetto “Catechismo sul tablet” è stato presentato lo scorso 4 agosto: si tratta di una versione della Bibbia e del Messale tradotti, come riporta Vatican News in un’articolo di Isabella Piro, nelle lingue Tchokwe, Luchazes, Lunda-Ndembo e Luvale, parlate nella zona orientale dell’Angola.

Nell’articolo della giornalista Isabella Piro, sono state riportate delle dichiarazioni di monsignor Jesus Tirso Blanco, vescovo di Lwena, citato dal sito Recowa-Cerao, la conferenza episcopale regionale dell’Africa occidentale.

Monsignor Blanco spiega che in questo modo i sacerdoti avranno a loro disposizione uno strumento specifico per poter predicare il Vangelo anche a tribù e popolazioni autoctone. Con la traduzione in lingua locale, infatti, i sacerdoti avranno la possibilità di diffondere in maniera più completa il messaggio e la Parola di Dio.

La soddisfazione dei fedeli

L’app “Catitablet”, continua ancora monsignor Blanco è “uno strumento prezioso” per l’evangelizzazione e “un aiuto concreto per i catechisti che operano nelle zone più periferiche” dell’Angola dove vivono oltre 7mila persone di diverse etnie. La giornalista, inoltre, ricorda che questo progetto di traduzione di testi sacri non è il primo che viene realizzato nel Paese africano. Negli anni passati, infatti, era già stato tradotto il “Catechismo della Chiesa cattolica” in lingua Umbundu, la seconda più parlata dopo il portoghese.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: [email protected]
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.