Bergoglio, un’agenda fitta di impegni

ULTIMO AGGIORNAMENTO 0:01

Dopo la Celebrazione Eucaristica, che ogni giorno celebra nella piccola Chiesa di Santa Marta, il Pontefice oggi aprirà la nuova congregazione del Sinodo. Intanto in Vaticano fervono i preparativi per la Celebrazione di domenica 19 ottobre dove Paolo VI sarà proclamato beato da Papa Francesco. Fu proprio lui, il 15 settembre del 1965 a creare il primo Sinodo dei vescovi. La Beatificazione di Giovanni Battista Montini arriva a poco più di cinque mesi di distanza dal riconoscimento di un suo miracolo per guarigione.

Ma l’agenda del Santo Padre è fitta di impegni, infatti il Santo Padre il 18 ottobre incontrerà Nguyen Tan Dung, il primo ministro della Repubblica Socialista del Viêt Nam. Come riferito dal direttore della Sala Stampa Vaticana l’incontrò servirà per approfondire le relazioni tra il Viêt Nam e la Santa Sede.

Per lunedì 20 ottobre, Papa Francesco ha invece convocato un concistoro ordinario pubblico, dove si parlerà della Canonizzazione dei Beati Giuseppe Vaz – sacerdote dell’Oratorio San Filippo Neri e fondatore dell’Oratorio della Santa Croce Miracolosa a Goa e apostolo di Ceylon (Sri Lanka) e Canara (India) – e di Maria Cristina dell’Immacolata Concezione – fondatrice della congregazione delle Suore Vittime Espiatrici di Gesù Sacramentato. Inoltre durante il Concistoro il Santo Padre ha voluto “per suo desiderio” inserire come argomento l’attuale situazione dei cristiani in Medio Oriente e l’impegno della chiesa per la pace in quelle regioni. Infatti, proprio pochi giorni fa, Papa Francesco aveva ricordato le tante famiglie che costrette dalla guerra lasciano le loro terre cercando un luogo sicuro dove vivere.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.