Bergoglio: “La vita cristiana è una lotta contro demonio, mondo e carne”

Logo Interris - Bergoglio: “La vita cristiana è una lotta contro demonio, mondo e carne”
Logo INTERRIS in sostituzione per l'articolo: Bergoglio: “La vita cristiana è una lotta contro demonio, mondo e carne”

“La vita è una milizia. La vita cristiana è una lotta, una lotta bellissima, perché quando il Signore vince in ogni passo della nostra vita, ci dà una gioia, una felicità grande: quella gioia che il Signore ha vinto in noi, con la sua gratuità di salvezza”. Lo ha detto Papa Francesco nell’omelia di questa mattina a Casa Santa Marta meditando un passo della lettera di san Paolo agli Efesini. Secondo il Pontefice per “andare avanti nella vita spirituale si deve combattere” e “non è un semplice scontro”, ma “un combattimento continuo”. “I nemici della vita cristiana” sono “il demonio, il mondo e la carne”, che sono le passioni, “le ferite del peccato originale”.

“Non si può pensare ad una vita spirituale, ad una vita cristiana”, ha continuato, “senza resistere alle tentazioni” e lottare contro il diavolo, senza indossare l’armatura di Dio, “che ci dà forza e ci difende”, come scrive san Paolo. Tra le diverse corazze ci sono la verità e la giustizia. La battaglia è “contro i principati e le potenze, cioè contro il diavolo e i suoi”. A “questa generazione”, ha proseguito il vescovo di Roma, “hanno fatto credere che il diavolo fosse un mito, una figura, un’idea, l’idea del male. Ma il diavolo esiste e noi dobbiamo lottare contro di lui”. “Il diavolo – ha poi affermato – è il bugiardo, è il padre dei bugiardi, il padre della menzogna”.

Inoltre, sarebbe utile domandarsi: “Credo o non credo? Sono un po’ mondano e un po’ credente?”. E allora abbiamo bisogno dello “scudo della fede” perché “il diavolo non ci butta addosso fiori”, ma “frecce infuocate” per ucciderci. Il successore di Pietro ha esortato anche a prendere “l’elmo della salvezza e la spada dello Spirito che è la Parola di Dio”, invitando a vegliare “con preghiere e suppliche”. Tutti, ha concluso, siamo un po’ pigri “nella lotta, e ci lasciamo portare avanti dalle passione, da alcune tentazioni. E’ perché siamo peccatori, tutti! Ma non scoraggiatevi. Coraggio e forza, perché c’è il Signore con noi”.