Arriva YouCat, il catechismo dei Millennial

ULTIMO AGGIORNAMENTO 11:27
Catechismo

Icomandamenti come regole del gioco di Dio, la preghiera perché “Dio ha sempre tempo” fino alle tipiche domande di bambini e adolescenti: “Da dove viene il mondo? Si può conoscere Dio?” Si chiama YouCat for kids e dietro questo nome, che richiama un lessico giovane, si cela l'introduzione alla dottrina della fede pensata dalla Chiesa Cattolica per i bambini dagli 8 ai 12 anni: “È un processo che nasce da un'intuizione di un gruppo di giovani” spiega l'arcivescovo Rino Fisichella all'emittente televisiva TV2000. L'iniziativa s'innesta nel progetto della nuova evangelizzazione messo in piedi dalla Fondazione YOUCAT allo scopo di contribuire al rinnovamento della Chiesa partendo dall'insegnamento della sua dottrina: “Insegnare non è tutto nella Chiesa, ma senza un insegnamento autentico, tutto diventa niente” chiarisce la presentazione sul sito della fondazione.

Il progetto

Come sottolinea il settimanale Famiglia Cristiana il volume “approvato dal Pontificio Consiglio per la promozione della nuova evangelizzazione […], presenta in un linguaggio adatto ai bambini il complesso della nostra fede contenuto nel grande Catechismo della Chiesa Cattolica e diventa un'opportunità e uno strumento soprattutto per i genitori per trovare le parole migliori“. Il libro è l'ultimo di una serie di pubblicazioni tematiche curate ufficialmente dalla Conferenza Episcopale Austriaca. Nel 2011, in occasione della Giornata mondiale della gioventù di Madrid, era stato pubblicato il primo libro, Youcat che racchiudeva, in 527 domande e risposte la dottrina della Chiesa. Un linguaggio trasparente e chiaro su argomenti delicati, che spesso suscitano l'interrogativo dei giovani. D'altronde, il  progetto nasce in Germania: è indubbio che s'innesti nella tradizione della riflessione teologica d'Oltralpe di cui il Papa emerito Benedetto XVI ne è il pioniere.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: [email protected]
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.