Al via inchiesta sulle finanze del Coro della Cappella Sistina

ULTIMO AGGIORNAMENTO 11:17

Papa Francesco, alcuni mesi fa, ha autorizzato un'indagine sugli aspetti economico amministrativi del Coro della Cappella Sistina. L'indagine è ancora in corso”. E' quanto comunicato dalla Sala Stampa vaticana che, con una nota emessa nella serata del 12 settembre, ha confermato l'esistenza di un'inchiesta della magistratura vaticana su questioni finanziarie riguardanti la Cappella musicale pontificia Sistina. 

Gli indagati

Nel mirino dei magistrati d'Oltretevere sarebbero finiti il direttore amministrativo Michelangelo Nardella e il direttore del Coro, monsignor Massimo Palombella. Le ipotesi di reato sarebbero riciclaggio, truffa aggravata ai danni dello Stato e peculato. Come riporta il sito online Avvenire, gli inquirenti sospettano un “uso disinvolto” degli introiti dei concerti che sarebbero stati indirizzati in un conto presso una banca italiana. 

Le indagini

Il quotidiano dei vescovi, inoltre, ha riferito che i due indagati sarebbero già stati interrogati dagli inquirenti vaticani, ma le presunte responsabilità sono ancora da chiarire e accertare. Secondo quanto si apprende, l'inchiesta sarebbe partita in seguito all'apertura di un conto accessibile a entrambi gli indagati e sul quale sarebbero transitate somme di denaro provenienti dai concerti del Coro. L'indagine dovrà ora far luce, tra l'altro, sulle finalità di tali passaggi e quali siano state le reali destinazioni dei fondi. 

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.