Sua figlia fa confusione: mamma presa a calci in chiesa

ULTIMO AGGIORNAMENTO 4:24

Un episodio increscioso quello che sarebbe avvenuto domenica scorsa, nella chiesa di San Jacopino, a Firenze, dove una donna filippina sarebbe stata letteralmente presa a calcia durante la funzione religiosa del mattino. Secondo quanto riferito dalle cronache locali, l'aggressione sarebbe stata repentina e inaspettata, oltre che messa in atto per motivi estremamente futili, tanto da lasciare di stucco persino la persona aggredita che, molto probabilmente, non si aspettava di andare incontro a una simile violenza. L'unica “colpa” della donna non sarebbe stata a ben vedere nemmeno direttamente la sua, visto che l'aggressore era stato indispetitto dalla confusione che, secondo lui, stava facendo la sua bambina. La donna, che si trovava sul sagrato, è stata per questo colpita a ripetizione davanti a sua figlia e agli altri bambini del Catechismo.

Possibile denuncia

L'aggressione si sarebbe fortunatamente protratta per pochi secondi, sufficienti però a spaventare tutti e  dopo i quali l'uomo, che pare sia un fiorentino, ha girato sui tacchi e lasciato la chiesa, lasciando la donna, una giovane mamma di origini filippine, dolorante ed esterrefatta per quanto accduto solo poco prima. Chiamata la Polizia, la donna ha raccontato quello che era successo, con gli inquirenti che hanno in breve individuato il responsabile basandosi anche sul racconto di alcuni testimoni. Non è chiaro se l'aggressore verrà denunciato a piede libero. Di sicuro, per mamma e figlia il desiderio di partecipare a una celebrazione religiosa in una tranquilla mattinata fiorentina non è stata per niente fortunata.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: [email protected]
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.