Pizzo via bonifico, con tanto di fattura, accade nel Napoletano

Il clan controllava il territorio anche grazie a due agenti della Municipale, una sorta di "racket 2.0" con una ditta compiacente che scaricava l'iva

ULTIMO AGGIORNAMENTO 12:19
Guardia di Finanza

Se il commerciante vittima del “pizzo” pagava con un bonifico, poteva ricevere anche una fattura da usare per “scaricare” la “spesa”. Una vera “primizia” investigativa, una sorta di racket 2.0, quello emerso dall’inchiesta della Guardia di Finanza e della Squadra Mobile di Napoli. Arrestate oggi 31 persone ritenute dalla DDA appartenenti al (o che comunque avrebbero favorito il) clan degli Amato Pagano di Secondigliano. Una ditta compiacente, dopo avere ricevuto il bonifico, restituiva la somma in contanti al clan trattenendo per sé l’importo dell’Iva. Infine emetteva “regolare” fattura al commerciale.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.