Non fa entrare la mamma in casa: “È troppo brutta”

ULTIMO AGGIORNAMENTO 17:09

L’amore verso la propria madre supera ogni ostacolo. O almeno in teoria. A volte i figli sono così egoisti che pensano solo a fare una bella figura e se la mamma non è di fattezze fisiche a loro congeniali, la lasciano fuori della porta di casa. È quanto è successo alla sessantatreenne cinese Ding Liang. La donna ha affrontato un lungo viaggio di cinque ore dalla sua dimora di campagna per andare a trovare il figlio e il suo nipotino appena venuto al mondo. Ma quando è arrivata fuori della casa il figlio non l’ha fatta entrare perché era “troppo brutta”.

Il figlio di Ding si era traferito dlla campagna alla città per andare a studiare all’università, poi si è sposato. E lì sono iniziati tutti i problemi. Infatti Ding si sarebbe presentata al matrimonio vestita con abiti semplici e avrebbe provocato così imbarazzo allo sposo, che è addirittura arrivato a negare ogni tipo di legame e parentela con la madre. Dopo di che l’ingrato figlio avrebbe iniziato ad allontanarsi progressivamente dai genitori e dagli altri parenti e la madre aveva accettato la situazione. “Non importa, so che ha la sua vita adesso, – ha dichiarato la donna – quindi capisco che non chiami mai e mi parli solo quando gli telefono io”.

Nonostante il figlio non dimostrasse nessun interesse a coltivare il rapporto con la madre, non appena la donna ha saputo che era nato un nipotino si è precipitata a casa del figlio per conoscere il bebè. Ma una volta arrivata di fronte alla casa del figlio, la donna ha avuto una brutta sorpresa: la casa era vuota e non ha trovato nessuno. “Diceva che lo avrei messo in imbarazzo perché sono troppo brutta”, ha dichiarato la donna alle persone che l’hanno trovata in lacrime per strada. In pratica i sacrifici che la donna ha dovuto affrontare per arrivare nella città, agli occhi del figlio sono valsi meno della sua bellezza. Ma il figlio non ha saputo apprezzare l’amore di una madre, che nonostante fosse stata rifiutata più volte dal figlio anche pubblicamente ha continuato a volergli bene.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.