Nigeria, impedisce il decollo per 30 minuti

ULTIMO AGGIORNAMENTO 0:04

Un inizio di volo che difficilmente dimenticheranno. Nigeria, aeroporto Murtala Muhammed di Lagos. Dopo aver ascoltato le tradizionali raccomandazioni di hostess e steward, i passeggeri sono pronti al decollo. Il velivolo scalda i motori e inizia a compiere i primi metri. Sembra che tutto proceda normalmente. Invece scatta l'allarme per una scena che definire assurda, è poco.

La ricostruzione del fatto 

Uno dei viaggiatori dal finestrino vede un uomo sull'ala dell'aereo. Il quale si è prima aggrappato e poi adagiato su questa parte essenziale del mezzo. A bordo, come è inevitabile che sia, scoppia il panico. L'unico che riesce a mantenere i nervi saldi è il pilota che riesce a a fermare e a spegnere il motore. Così entrano in gioco gli addetti alla sicurezza dello scalo che hanno arrestato l’uomo e trattenuto per accertamenti. Non si conoscono al momento le ragioni del folle gesto durato in tutto circa mezz’ora e avvenuto lo scorso venerdì. La vicenda è rimbalzata sui media di tutto il mondo perché uno degli uomini a bordo ha registrato l'accaduto con il suo telefonino. Inoltre ha raccontato che l’uomo cercava insistentemente di salire su uno dei motori dell’aeromobile: “I passeggeri erano in preda al panico temendo che potesse essere un terrorista. Anche perché l’uomo teneva una borsa in una mano”  ha detto il passaggero. Un portavoce dell’Autorità Federale degli Aeroporti della Nigeria (Faan), in un breve messaggio rivolto alla stampa ha detto che l’uomo è stato catturato dalla sicurezza. Il portavoce non ha rilasciato informazioni sulla sua identità e soprattutto sul suo stato mentale. Ecco, il punto è proprio questo: scoprire il protagonista della vicenda ha problemi mentali o abbia tentato un goffo (per fortuna) attacco terroristico. Piccolo lieto fine per i passeggeri che dopo essere stati fatti scendere per permettere ai tecnici di controllare le condizioni dell’aereo, sono risaliti a bordo e finalmente partiti.  

 

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: [email protected]
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.