Mamme si picchiano davanti all'asilo delle figlie

ULTIMO AGGIORNAMENTO 0:04

Le figlie litigano all'asilo e le mamme…si picchiamo! E' lo spettacolo ben poco edificante che genitori e bambini si sono trovati, loro malgrado, ad assistere all'uscita di una scuola materna in zona Bissuola, nella Municipalità di Mestre-Carpenedo. 

La ricostruzione

Le donne sarebbero venute alle mani, ricostruisce Veneziatoday.it, a causa di un diverbio nato su una chat di gruppo WhatsApp. A scatenare il litigio – riportano anche i quotidiani locali – sarebbe stato il comportamento delle rispettive figlie durante l'orario scolastico della materna a Mestre. Una delle due piccole sarebbe stata picchiata dall'altra. Tornata a casa, l'avrebbe riferito alla sua mamma, la quale – a sua volta – avrebbe chiesto spiegazioni alla madre della presunta “bulletta” sulla suddetta chat. Ma la richiesta di chiarimenti non è andata evidentemente a buon fine. Dai messaggi virtuali le due mamme, sembra si tratti di un'italiana e di una cubana entrambi trentenni, sarebbero infatti passate ai fatti. Incrociatesi di persona in via Sforza, vicino alla scuola frequentata dalle figlie, dopo le accuse reciproche sarebbero partite le botte: schiaffi e calci, tanto che alcuni testimoni avrebbero chiesto l'intervento della polizia. Sul posto è arrivata una volante, ma a quel punto una delle due mamme si era allontanata. L'altra avrebbe riferito la sua versione dei fatti ai poliziotti e poi si sarebbe recata al pronto soccorso per farsi visitare, ma sembra non abbia riportato nessuna conseguenza. A parte quella sul piano educativo: di certo, le due “adulte” non sono state un buon esempio per nessuno, tanto meno per le bambine.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: [email protected]
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.