In Belgio vogliono censurare San Paolo: “È sessista”

ULTIMO AGGIORNAMENTO 0:04

Il ministro della Cultura delle Fiandre, in Belgio, ha deciso di preoccuparsi delle Messe domenicali trasmesse in tv dall'emittente fiamminga Vrt. Sven Gatz, questo il suo nome, si è scagliato contro la celebrazione perché di recente è stato letto un passo delle Lettere agli Efesini scritte da San Paolo che dice: “Nel timore di Cristo, siate sottomessi gli uni agli altri: le mogli lo siano ai loro mariti, come al Signore; il marito infatti è capo della moglie, così come Cristo è capo della Chiesa, lui che è salvatore del corpo. E come la Chiesa è sottomessa a Cristo, così anche le mogli lo siano ai loro mariti in tutto”.

Sessista e inopportuno per il ministro belga che ha twittato: “Libertà religiosa: ok; libertà d’opinione: ok; ma nessuna frase retrograda e sessista contro le donne a spese dei contribuenti”. “Cosa si sarebbe detto se le stesse parole fossero state pronunciate da un imam?” ha poi aggiunto il politico. Il parroco della chiesa di Grimbergen – riferisce Il Giornale – ha risposto immediatamente alla polemica dicendosi sorpreso delle affermazioni del ministro della cultura fiammingo, come riportato da Rtbf. “Il ministro si agita per un testo di una lettera di San Paolo letta la domenica scorsa nelle chiese di tutto il mondo. Il testo parla d’amore e del rispetto e stima reciproca tra marito e moglie,” ha aggiunto il sacerdote chiedendo che il testo non venga estrapolato dal suo contesto e strumentalizzato a fini politici. La lettera di San Paolo infatti continua così: “E voi, mariti, amate le vostre mogli, come anche Cristo ha amato la Chiesa e ha dato sé stesso per lei, per renderla santa, purificandola con il lavacro dell’acqua mediante la parola. (…) Così anche i mariti hanno il dovere di amare le mogli come il proprio corpo: chi ama la propria moglie, ama sé stesso”.

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.