Il Codacons denuncia Chiara Ferragni: ecco le motivazioni

Per il movimento dei consumatori, la foto che ritrae l'influencer potrebbe "realizzare fattispecie penalmente rilevanti per blasfemia e offesa al sentimento religioso"

ULTIMO AGGIORNAMENTO 0:05

Un bambino biondo e con ricciolini, un velo azzurro che le incornicia il capo. E’ così che è apparsa, oltre che sul suo account Instagram, sul settimanale Vanity Fair – che l’ha realizzata – Chiara Ferragni. Un’immagine che ha creato sdegno e malumore tra i credenti.

La denuncia

La foto dell’influencer, che la ritrae nei panni di una Madonna con Bambino, dipinta da Giovanni Battista Salvi, detto il Sassoferrato, “sfrutta la figura della Madonna e la religione a scopo commerciale, essendo noto come la Ferragni sia una vera e propria macchina da soldi, finalizzata a vendere prodotti, sponsorizzare marchi commerciale e indurre i suoi follower all’acquisto di questo o quel bene”, si legge in una nota del Codacons.

Il movimento dei consumatori definisce l’immagine “sfruttamento indegno della figura della Madonna che ha scatenato proteste dell’intero mondo cristiano” e, sempre secondo il Codacons potrebbe “realizzare fattispecie penalmente rilevanti per blasfemia e offesa al sentimento religioso, motivo per cui l’esposto viene inviato anche a Papa Francesco affinché si pronunci contro tale squallida e inutile provocazione”.

Il Codacons, infatti, ha deciso di presentare un esposto alla Procura della Repubblica e al Ministro dei Beni culturali, Dario Franceschini, affinché intervengano su quella che è una grave mancanza di rispetto per i cristiani, per l’intero mondo religioso e per l’arte in genere.

La mancanza di rispetto per l’intero mondo religioso

La foto, utilizzata per completare un’intervista pubblicata da Vanity Fair, rappresenta un’offesa per l’intero mondo religioso. Non è comprensibile perché – forse per gioco o per superficialità – le immagine sacre vengano utilizzate per pubblicità, per promuovere prodotti o, forse, proprio per suscitare sdegno e indignazione nell’opinione pubblica. Insomma, probabilmente sarà che alcuni personaggi mettono in pratica il vecchio detto: “Bene o male, purché se ne parli?”.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: [email protected]
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.